Spinoza vs Lercio, a Glocal si ride digitale

Sala napoleonica piena e grandi risate per la dissacrante serata "Spinoza vs Lercio", che ha inaugurato le serate GlocalNews a ville Ponti

glocal 2015 generiche

«Peccato, avevo anche un mucchio di battute su Maometto, non fará in tempo a sentirle».

Galleria fotografica

Spinoza vs lercio 4 di 9

E’ cominciata con una defezione, e la risposta scherzosa del rappresentante di Spinoza la prima serata di Glocalnews, “Spinoza vs. Lercio” che ha visto confrontarsi le due più famose realtà satiriche digitali: offeso dalla presenza di uno scherzoso “sponsor” (il calendario dei prelati 2016, un patinatissimo calendario veramente in vendita, dall’aria perlomeno ambigua) uno spettatore si alza e se ne va dopo soli due minuti di spettacolo, dopo avere urlato “dovete prendervela con gli islamici, non coi cristiani!”.

Ma l’anonimo spettatore non sapeva che da li a poco ce ne sarebbe stata una per tutti: dai musulmani ai cristiani, da Salvini a Renzi, dalle donne ai misogini, senza nemmeno fermarsi davanti a chi non c’è più. Nemmeno i tabù di questi giorni, l’Isis e gli attentati, sono stati risparmiati.

“Spinoza vs. Lercio” ha seppellito con una marea di risate tutte le paure dell’attualità, dissacrando ogni singola notizia. E regalando, tra una battuta e l’altra, spunti per riflettere sull’attualità e sul mestiere di giornalista, o momenti per esorcizzare le inquietudini ai 500 partecipanti alla serata, che hanno riempito la sala Napoleonica delle ville Ponti.

Spinoza.it e Lercio.it, i due siti di satira più condivisi dei social, sono stati i primi, apprezzatissimi protagonisti delle serate Glocal alle Ville Ponti, con risultati esilaranti e senza tabù: dalla chiesa ai fatti di Parigi con cui si è esordito.  «Abbiamo pensato a lungo come comportarci, ci siamo persino domandati se era il caso di fare serate come questa – ha esordito il rappresentante di Spinoza.it, Stefano Andreoli – Ma  abbiamo deciso di essere qui lo stesso, e non parleremo di quest’argomento tranne che… » E giù minuti e minuti di battute – riflessioni – evasioni su quell’argomento.

In un ping pong di frasi satiriche e veri titoli di giornale, di falsi oroscopi e vere poesie, “governati” per quanto possibile, da Sarah Jane Ranieri, speaker di Radio Deejay che ha intuito per prima la potenzialità di questa curiosa “tenzone”il fondatore di Spinoza Stefano Andreoli, e i due rappresentanti di Lercio  Patrizio Smiraglia e Augusto Rasori. Che hanno continuamente interagito con un pubblico sempre più divertito, fino a culminare in un gioco collettivo: scoprire, davanti a notizie super trash, se si trattava di titoli improbabili inventati da Lercio o “vera” stampa.

Perchè se c’è una cosa che, tra una risata e l’altra, stasera abbiamo tutti scoperto è che il confine, tra la satira e la peggior realtà, è sottilissimo.

Stefania Radman
stefania.radman@varesenews.it

Il web è meraviglioso finchè menti appassionate lo aggiornano di contenuti interessanti, piacevoli, utili. Io, con i miei colleghi di VareseNews, ci provo ogni giorno. Ci sosterrai? 

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 20 Novembre 2015
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Spinoza vs lercio 4 di 9

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.