Cani perduti o abbandonati: le foto sono sul web

L'anagrafe canina di Regione Lombardia ha potenziato il suo servizio mettendo in rete e on line tutti i canili lombardi e i loro ospiti perduti o adottabili

L’anagrafe canina della regione Lombardia ha implementato il suo portale per facilitare il cittadino nella ricerca del suo cane smarrito e  di un eventuale esemplare da portare a casa.

Sul sito è ora possibile accedere alle schede e alle foto dei cani recuperati dall’accalappiacani e che sono ricoverato nei canili rifugio dei diversi comuni: « Una volta che un cane viene ritrovato e appuriamo che non è dotato di microchip identificativo – spiega il dottor Eraldo Oggioni, responsabile del Dipartimento veterinario dell’Asl – viene affidato al canile sanitario dove viene curato e microchippato. Trascorsi 10 giorni senza aver individuato il padrone, l’animale viene affidato al canile rifugio comunale e diventa adottabile. Si tratta di uno status provvisorio che si trasforma in definitivo trascorsi 60 giorni».

La nuova applicazione permette di fare ricerche sempre più puntuali, selezionano la provincia e persino il canile comunale. Ogni sezione propone le schede dei cani ritrovati con la fotografia dell’animale, il sesso, la razza, il colore del mantello, la data, il Comune di ritrovamento e il canile di ricovero.

Lo scorso anno sono stati ritrovati 1344 cani di cui l’78% restituiti regolarmente al legittimo padrone. Quest’anno, fino al 15 dicembre, sono stati  1198 i cani catturati ed entrati in canile sanitario. In provincia esistono  9 canili rifugio e 2 canili sanitari. I cani dati in affido sono stati, nel 2014, 294 in crescita rispetto ai 268 dell’anno precedente: « Nel corso di questi ultimi anni – assicura il dottor Oggioni – il fenomeno dell’abbandono volontario degli animali è diminuito. C’è, però, ancora chi non ha una consapevolezza delle responsabilità e degli oneri che comportano un cane o un gatto. Molto più frequentemente, invece, siamo chiamati a recuperare animali che si sono smarriti in seguito a un temporale o ai botti che si sparano durante le feste»

Grazie a un finanziamento ottenuto da Regione Lombardia di 150.000 euro per i prossimi tre anni, il servizio veterinario dell’Asl sta anche attivando un servizio di “sms” a disposizione degli agenti di polizia locale che ne faranno richiesta: « Noi forniremo loro un lettore di microchip _ spiega il veterinario  – Una volta letto il numero, non dovranno fare altro che inviare un messaggio a un nostro numero che invierà tutte le informazioni legate al chip. Così l’animale potrà essere restituito immediatamente senza neppure il costo dell’accalappiacani a carico del proprietario».

Sul fronte dei gatti, invece, si vuole avviare un controllo più stretto sulle 900 colonie feline che ospitano circa 9000 gatti: « Purtroppo queste colonie sono in continua espansione – chiarisce il responsabile del servizio veterinario – Grazie al contributo regionale eleveremo da 25.000 a 40.000 i fondi a disposizione per procedere alla sterilizzazione. Il fatto è che in campo felino si registra ancora un alto tasso di abbandoni che poi non si riesce a gestire perchè gli esemplari spesso non sono sterilizzati. Abbiamo così raggiunto un accordo con le associazioni di “gattare” perchè procedano alla chippatura dell’esemplare e alla sua eventuale sterilizzazione. Chi prenderà in affido l’animale, sarà collegato al gatto stesso e dovrà assumersene le responsabilità».

In caso di segnalazione di un cane abbandonato, è possibile telefonare al servizio veterinario di Asl e, nei giorni festivi o di notte, il centralino al nr 0332 277111 per attivare la procedura di recupero.

Alessandra Toni
alessandra.toni@varesenews.it

Sono una redattrice anziana, protagonista della grande crescita di questa testata. La nostra forza sono i lettori a cui chiediamo un patto di alleanza per continuare a crescere insieme.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 17 Dicembre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.