Sigilli alla cartiera Vita Mayer: “Troppo pericolosa”

L'area è stata posta sotto sequestro dopo l'incidente mortale costato la vita ad Alessandro Giani, precipitato da un'altezza di 6 metri. Proseguono le indagini per appurare le responsabilità degli amici e della proprietà

La Procura di Busto Arsizio ha posto sotto sequestro una delle aree dismesse più grandi d’Italia di circa 7 ettari, quasi quanto 10 campi da calcio. La decisione è stata comunicata alla stampa oggi, martedì, dal procuratore capo di Busto Arsizio Gianluigi Fontana insieme a Davide Corbella del Nucleo di polizia giudiziaria ambientale della stessa Procura e dal comandante della stazione dei Carabinieri di Busto Arsizio Francesco Caseri in seguito alla morte di Alessandro Giani, il giovane di diciotto anni precipitato da un’altezza di 6 metri mentre era all’interno di uno dei numerosi edifici industriali abbandonati nell’area.

Galleria fotografica

La cartiera Vita Mayer 4 di 61

Il procuratore Fontana ha fatto prima il punto sull’indagine ribadendo che è stato aperto un fascicolo che vede indagati i due amici di Giani, che erano con lui nella cartiera, per omicidio colposo e produzione di materiale esplodente (stavano fabbricando alcune bottiglie molotov per fini ludici), e i legali rappresentanti della Prealpi Servizi (proprietaria dell’area) sia per omicidio colposo che per omissione di lavori su edifici che rischiano la rovina. sequestro cartiera vima cairate

Il sequestro è stato deciso per due motivi: da un lato scoraggiare l’ingresso di altre persone e dall’altro per intimare alla proprietà di mettere in sicurezza il perimetro in modo da impedire l’accesso: «Il luogo è stato, in passato, al centro delle attenzioni per un rave che ha attirato molti giovani, un altro è stato sventato per tempo mentre sono numerosi i gruppi di persone che, affascinati dall’archeologia industriale, entrano per fare foto».

L’area sequestrata è quella più a valle e corrisponde alla ex-Vima, azienda che produceva cellulosa nata successivamente al primo stabilimento. La vecchia cartiera, invece, è stata risparmiata dai sigilli della polizia giudiziaria in quanto ritenuta più sicura e difficilmente accessibile.

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 05 Gennaio 2016
Leggi i commenti

Galleria fotografica

La cartiera Vita Mayer 4 di 61

Galleria fotografica

Il sequestro della cartiera Vima a Cairate 4 di 5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.