Accordo Insubria e Marina per lo sviluppo della medicina subacquea

Un accordo tra l'ateneo e il comando subacquei e incursori militari permetterà lo studio di patologie che si possono curare con la medicina iperbarica

Accordo tra università e Marina Militare

L’Università degli Studi dell’Insubria ha sottoscritto, a La Spezia, un importante accordo con la Marina Militare.
Il Magnifico Rettore, professor Alberto Coen Porisini, e il Comandante di Comsubin (Comando subacquei e incursori), Contrammiraglio Paolo Pezzutti,  hanno siglato una convenzione per attività di collaborazione scientifica e 
didattica tra l’Ateneo e il Raggruppamento Subacquei ed Incursori “Teseo Tesei”, finalizzata a coordinare le rispettive capacità di ricerca nell’ambito della della Medicina Subacquea.

In virtù dell’accordo, l’Università degli Studi dell’Insubria si impegna a favorire la ricerca e la didattica nel campo della Fisiopatologia subacquea, la branca specialistica più rappresentativa della medicina militare marittima, nella quale Comsubin da 80 anni è impegnato, in particolare, in attività di ricerca e sperimentazione sulla fisiologia della immersione umana.

Visto il crescente interesse per il settore della Medicina Iperbarica e Subacquea, per un numero sempre più ampio di patologie, l’accordo servirà a sviluppare collaborazioni per studi su progetti specifici e a creare percorsi di alta formazione relativi alla Medicina Subacquea e Iperbarica.

L’esecuzione delle attività è affidata, per l’Università degli Studi dell’Insubria, al professor Cesare Beghi, e per Comsubin, al Direttore del Servizio Sanitario il Capitano di Fregata Medico

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 18 Febbraio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.