Accordo tra Unicredit e Confindustria Lombardia per crescita e competitività

Prevede quattro diverse tipologie di finanziamento mirato: ricerca, innovazione, start up, anticipi di spesa

confindustria Lombardia

La ricerca e l’innovazione rappresentano un fattore fondamentale per il progresso e lo sviluppo della società, consentendo alle imprese di accrescere la propria competitività per poter essere riconosciute anche sui mercati internazionali. È da questa premessa che nasce la convenzione “Crescita e competitività: ricerca, innovazione e start up” siglata tra Unicredit e Confindustria Lombardia presso la sede degli industriali lombardi.

L’accordo prevede l’attivazione di percorsi specifici di accesso al credito e sostegno alle attività di ricerca e innovazione, ed è destinato alle aziende associate alle associazioni territoriali di Confindustria Lombardia, Ance Lombardia, e alle aziende e Università appartenenti ai Cluster tecnologici lombardi e alle start up innovative.

«Questa convenzione – dice Alberto Ribolla, presidente di Confindustria Lombardia (foto sopra) – è il risultato di un confronto tra UniCredit e Confindustria Lombardia sui temi della ricerca e l’innovazione: per le imprese l’attenzione di una grande banca rappresenta un importante valore aggiunto. L’accordo odierno, infatti, non solo fornisce alle aziende del nostro sistema un canale esclusivo e dedicato ma è uno strumento che riconosce la centralità di ricerca e innovazione per lo sviluppo della competitività».

confindustria Lombardia
Alberto Ribolla durante la presentazione al Samsung District di Milano del piano #Lombardia2030

«Le imprese non possono svilupparsi e competere, all’interno di un mercato globale, senza risorse finanziarie adeguate – aggiunge il presidente di Confindustria Lombardia- . Partendo da questo presupposto nel Piano strategico #Lombardia2030 abbiamo individuato nella creazione di una nuova cultura finanziaria d’impresa un caposaldo della competitività. Fondamentale tassello è la costruzione di un nuovo modello di relazione banca-impresa, e la possibilità di veder finanziati progetti di ricerca e innovazione rientra in questo percorso. Auspichiamo quindi che l’accordo di oggi rappresenti l’inizio di una nuova fase per la finanza d’impresa basata su un consolidato asse tra banche, istituti finanziari e imprese».

«La ricerca e l’innovazione sono le basi per competere e crescere – dichiara Giovanni Solaroli, regional manager Lombardia di Unicredit – le richiede il mercato e ancor più i clienti. Supportiamo finanziariamente le imprese e le start-up del nostro territorio nei loro percorsi di crescita perché crediamo nei loro progetti. L’accordo odierno prevede un iter specifico di accesso al credito che costituisce sinergie tra banca, imprese, cluster, associazioni di categoria e mondo universitario e della ricerca, nei confronti dei quali UniCredit da tempo manifesta una forte attenzione e sensibilità».

L’accordo “Crescita e competitività” prevede quattro diverse tipologie di finanziamento mirato:
Ricerca“, un finanziamento fino a 7 anni finalizzato alla realizzazione di progetti di Ricerca & Sviluppo destinati alla creazione di nuovi prodotti, processi produttivi e servizi tecnologicamente innovativi per l’impresa; “Innova”, fino a 7 anni per investimenti volti all’arricchimento del contenuto tecnologico di prodotti, processi e servizi dell’impresa richiedente e al miglioramento della organizzazione e della sua struttura aziendale, “Start up”, destinato alle aziende in fase di costituzione,prevede un finanziamento fino a 7 anni per gli investimenti e una disponibilità a breve termine per la gestione del circolante; “Anticipo contributo”, finanziamento relativo ad anticipi di spesa su misure di finanza agevolata, coerenti con il piano d’investimento.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 22 febbraio 2016
Leggi i commenti

Foto

Accordo tra Unicredit e Confindustria Lombardia per crescita e competitività 2 di 2

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore