La fattoria dell’illegalità: lavoratori in nero e tasse evase per 500mila euro

La Guardia di Finanza di Busto Arsizio ha scoperto un'azienda agricola che da anni non versava contributi ai lavoratori ed evadeva il fisco

Guardia di Finanza - operazione fattoria

La Guardia di Finanza di Busto Arsizio ha scoperto un’azienda agricola operante nel settore dell’allevamento di bovini, ovini e cavalli che da anni non versava contributi ai lavoratori ed evadeva il fisco.

Attraverso un approccio trasversale, in grado di intercettare diverse implicazioni illecite, le Fiamme Gialle hanno individuato tre dipendenti, due di nazionalità rumena, che operavano completamente in “nero”.

L’analisi del frammentario carteggio acquisito, all’atto dell’accesso presso i locali aziendali, ha permesso di ricostruire i periodi di impiego dei singoli lavoratori, negli ultimi cinque anni, che ammontano complessivamente a 1.960 giornate di lavoro, tutte effettuate senza versare nessun tipo di contribuzione.

Per queste violazioni, i Finanzieri hanno contestato al datore di lavoro nonché titolare dell’azienda , sanzioni amministrative per complessivi 175.000 euro.

Dal punto di vista fiscale, l’analisi della documentazione, l’incrocio dei dati e l’attività di intelligence, hanno permesso ai militari di ricostruire il reale volume d’affari dell’azienda agricola, appurando che negli ultimi cinque anni il titolare ha omesso di dichiarare al fisco oltre mezzo milione di euro.

Gli approfondimenti effettuati sulla gestione dell’attività, hanno permesso di riscontrare anche gravi irregolarità in ambito sanitario, segnalate alle competenti autorità.

«L’attività della Guardia di Finanza è sempre più improntata ad incidere concretamente sulla diffusione dell’illegalità fiscale e contributiva – commentano in una nota i vertici delle Fiamme Gialle varesine – e sugli effetti negativi che da questa si riverberano sull’equità fiscale, sul libero esercizio d’impresa e del lavoro, evitando, in questo modo, che le imprese che operano nel rispetto della legalità, possano subire una concorrenza sleale che a volte può comprometterne l’attività e la sopravvivenza stessa».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 26 Marzo 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Questi sono gli stessi che li senti sbraitare che il governo è ladro e che c’è la crisi per poi completare il loro dovere etico-morale votando partitacci che appena eletti deliberano condoni-fiscali a pioggia.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.