La fotografia protagonista a Palazzo Leone da Perego

In occasione del Festival Fotografico europeo lo spazio espositivo accoglie le opere di Micheal Ackerman, Raffaele Montepaone, Aldo Tagliaferro, Giovanni Sesia, Giovanni Mereghetti e Cecile Decorniquet

Arte - Mostre

Dal 6 marzo al 10 aprile 2016, a Busto Arsizio, Legnano, Castellanza, Olgiate Olona, Gallarate si tiene la V edizione del Festival Fotografico europeo, ideato e curato dall’Afi-Archivio Fotografico Italiano.

La fotografia dunque torna protagonista lungo l’asse del Sempione, attraverso oltre trenta mostre, seminari, lectio magistralis, workshop, proiezioni, multivisioni, cinema e musica, letture dei portfolio, presentazione di libri, concorsi: un programma espositivo articolato ed esteso che si muove dalla fotografia storica al reportage d’autore, dalla fotografia d’arte alle ricerche creative fino alla documentazione del territorio.

A Palazzo Leone da Perego MA*GA viene presentata la mostra “Le stanze della fotografia” che vede come protagonisti le opere di Micheal Ackerman, Raffaele Montepaone, Aldo Tagliaferro, Giovanni Sesia, Giovanni Mereghetti e Cecile Decorniquet.

Gli artisti saranno rappresentati ciascuno con un nucleo consistente di opere cadenzate negli spazi espositivi dello storico palazzo.

Ciò che unisce la complessità delle ricerche presentate è, in particolare, l’attenzione verso l’uomo, la sua identità, la realtà sociale in cui vive e opera. Dai ritratti in bianco e nero di Ackerman e di Montepaone, potenti nel loro violento chiaroscuro, alla struggente ambientazione dei protagonisti di Sesia, fino alla vita oltre le mura del carcere di Mereghetti, le opere fotografiche mettono al centro l’uomo, la sua storia, la sua memoria.

All’interno di questo percorso, il MA*GA Leone da Perego di Legnano (via Girardelli 10) celebra il fotografo Aldo Tagliaferro (Legnano, 1936 – Parma, 2009) con le opere concesse in comodato dall’Archivio Tagliaferro alla collezione del Museo MA*GA.

Si tratta di un omaggio a un grande artista che ha usato la fotografia fin dagli anni settanta come proprio strumento privilegiato di indagine.

Tagliaferro attua un rovesciamento che porta il visitatore a essere provocato dall’immagine e quindi ad avere verso di essa un pensiero critico, facendolo diventare il vero protagonista della mostra.

Il mezzo, la macchina fotografica e il metodo, quasi scientifico, dell’analisi e della verifica, vengono utilizzati per indagare temi universali quali la morte, il tempo, la memoria, l’io.

Sabato 5 marzo, negli spazi esterni di Palazzo Leone da Perego, verrà inaugurata l’installazione permanente di Mme Duplok, Dammi una voce.

I nomi di alcuni artisti italiani scelti da Mme Duplok per la loro importanza e la loro evocatività sonora vengono interpretati dal performer vocale e jazz singer Boris Savoldelli e svolgeranno la funzione di segnalare l’apertura e chiusura quotidiana del museo grazie all’installazione permanente esterna.

LE STANZE DELLA FOTOGRAFIA
Palazzo Leone da Perego, Legnano (MI), via Gilardelli 10
6 marzo – 10 aprile 2016
Inaugurazione Sabato 5 marzo 2016 ore 18.30
Orari: venerdì, 15.00 – 19.00
sabato e domenica, 10.00 – 12.30 | 15.00 – 19.00
Chiuso Domenica 27 marzo
Ingresso gratuito
Visite guidate per gruppi e scuole su prenotazione
Informazioni
Museo MA*GA: www.museomaga.it | tel. 0331 706011 | leonedaperego@museomaga.it
Comune di Legnano – Assessorato alla Cultura: | http://cultura.legnano.org/ | tel. 0331.545726 |segr.cultura@legnano.org
Archivio Fotografico Italiano : www.europhotofestival.it | mobile 347.5902640 ! afi.fotoarchivio@gmail.com e afi.foto.it@gmail.com

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 04 Marzo 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.