La scuola di Baraggia perde i genitori che l’hanno fatta più bella

Il Comitato genitori della scuola elementare di Baraggia ha sostenuto progetti importanti, ma ora si arrende: "Troppo scarsa la partecipazione"

Viggiù - scuola elementare baraggia

Hanno lavorato tanto, hanno raccolto soldi per fare più bella e stimolante la scuola, hanno sostenuto progetti e iniziative ma adesso non ce la fanno più. Vogliono gettare la spugna mamme e papà del Comitato genitori della scuola primaria Argenti di Baraggia di  Viggiù, che nei giorni scorsi hanno fatto il punto della situazione arrivando ad un’amara conclusione: “Siamo sempre più soli – dice Daniela Medea, una delle mamme del Comitato – C’è poca partecipazione, alle riunioni partecipa sempre meno gente, il carico di lavoro e responsabilità ricade sempre sulle stesse persone e onestamente non ce la facciamo più”.

Eppure i risultati raggiunti grazie all’impegno e alle iniziative del Comitato sono notevoli e hanno dato una marcia in più a questa scuola che conta circa 110 alunni.

L’attività degli ultimi anni di raccolta fondi del Comitato genitori si è concretizzata con il finanziamento di due progetti importanti seppur molto diversi tra loro: il Progetto affettività sotto la direzione di Andrea Gosetti, attore, autore teatrale di spettacoli per ragazzi nonché direttore del teatro San Giorgio di Bisuschio, e il Progetto Scuola 2.0 che ha dotato la scuola di nuove attrezzature informatiche.

Il Progetto affettività fortemente voluto dal corpo docente si è svolto negli ultimi due anni scolastici – spiegano i genitori del Comitato – Il primo anno si è preso spunto dal libro “Ill mio cuore un purè di fragole” di Alberto Pellai,  per affrontare emozioni quali la rabbia, la paura, la felicità e tanti altri stati d’animo tipici dell’età, che a volte anche per i genitori è difficile interpretare. Quest’anno in occasione del centenario della grande guerra Andrea Gosetti raccontato e fatto interpretare “Natale 1914″, una storia realmente accaduta durante la Grande Guerra”.

Con il Progetto Scuola 2.0, è stata rinnovata completamente l’aula di informatica con un nuovo server, nuove stampanti e 12 postazioni pc funzionanti all’avanguardia. Inoltre entro la fine dell’anno scolastico tutte le classi saranno dotate di Lim, le lavagne multimediali interattive, grazie alle raccolte fondi del Comitato, al contributo del Comune di Viggiù e ai buoni raccolti da tutti i genitori aderenti all’iniziativa Amici di scuola dell’Esselunga”.

Un bilancio notevole per una piccola scuola, ma nel comunicare questi importanti obiettivo raggiunti, il  gruppo che attualmente anima il Comitato ha comunicato “con grande dispiacere che non continuerà l’attività del prossimo anno scolastico soprattutto perché l’adesione dei genitori alle iniziative dell’ultimo anno si è ridotta notevolmente e questo fa sì che il peso dell’organizzazione ricada sulle spalle di pochi e diventi così insostenibile”.

“Speriamo che nuovi genitori si facciano avanti – conclude Daniela Medea – perché crediamo che partecipare in modo attivo e responsabile al grande compito educativo della scuola sia fondamentale, anche per dare un esempio positivo ai nostri figli. Di cose da fare ce ne sono ancora tante: andrebbe completata l’aula informatica che oggi ha 12 postazioni, ma a fronte di classi da 24 ragazzi, e ci sono nuovi progetti educativi da proporre e sostenere. Noi ringraziamo chi ci ha affiancati in questi anni e saremo sicuramente al fianco di un nuovo gruppo di genitori che vorrà sviluppare nuovi progetti e raggiungere altri importanti traguardi”.

Mariangela Gerletti
mariangela.gerletti@varesenews.it

Giorno dopo giorno con VareseNews ho il privilegio di raccontare insieme ai miei colleghi un territorio che offre bellezza, ingegno e umanità. Insieme a te lo faremo sempre meglio.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 21 Marzo 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.