L’UCI ha detto sì: per la Tre Valli si aprono le porte del World Tour

La corsa della "Binda" dovrebbe entrare nel massimo circuito di gare mondiali dal 2017. Oldani raggiante: «Al lavoro fin da ora»

tre valli varesine 2015

La Tre Valli Varesine ha compiuto il salto in alto che tutti gli appassionati si auguravano. L’Unione Ciclistica Internazionale (UCI) ha infatti accettato quest’oggi la richiesta avanzata dagli organizzatori (la Sc Alfredo Binda) di includere la corsa di casa nostra nel cosiddetto World Tour, il massimo circuito ciclistico mondiale, a partire dal 2017.

Uno scatto imperioso, per dirla in termini sportivi, perché permetterà alla Tre Valli di avere al via per regolamento le venti squadre più importanti al mondo e con esse, di conseguenza, anche un numero di campioni ben superiore a quelli passati da Varese negli ultimi lustri.

Tanto per rendere l’idea, in Italia le corse World Tour sono pochissime: il Giro d’Italia e la Tirreno-Adriatico tra le gare a tappe e le due “classiche monumento” tricolori, ovvero la Milano-Sanremo e il Giro di Lombardia. Tutte, va sottolineato, organizzate da uno dei promoter più importanti al mondo e cioé Rcs Sport, marchio legato alla Gazzetta dello Sport.

«Posso solo dire che siamo felicissimi» racconta il patron della “Binda” Renzo Oldani «visto che in questi anni il nostro staff e tutti i soci hanno profuso un grande impegno a favore della Tre Valli. L’UCI si è complimentata con noi e ha dichiarato che l’edizione 2016 della corsa in programma il 27 settembre sarà il test ufficiale per l’ingresso nel World Tour».

Come spiegato qualche tempo fa, superato lo scoglio della richiesta ora la Binda dovrà dare una serie di garanzie economiche oltre che tecniche e sportive, ma queste le diamo per assodate visto che il club ha organizzato anche il Mondiale 2008. A grandi linee una Tre Valli di World Tour potrebbe costare quasi il doppio della gara attuale: il budget dunque passerà da circa 200mila a circa 400mila euro. «Ora non dipende solo da noi – spiega Oldani – perché per sostenere le spese ci affidiamo a tutto il territorio, ma proprio per questo sono già aperto a ogni tipo di collaborazione. Avere una gara di questo livello è fantastico, facciamo di tutto per tenercela».

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 01 Marzo 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore