Giornata mondiale della fibromialgia, una malattia quasi sconosciuta

Ricorre il 12 maggio la Giornata mondiale di sensibilizzazione per una patologia che si definisce cronica e spesso invalidante. In Italia non è riconosciuta

fibromialgia

È una malattia che riguarda l’apparato muscolo-scheletrico. Chi ne è colpito soffre di dolori e stanchezza muscolare tali da non riuscire a vivere normalmente. In Italia sono circa 2/3 milioni di persone, soprattutto donne, ad accusare i dolori derivanti dalla fibromialgia. Ciononostante, non è una malattia riconosciuta come invalidante e cronica così insorgono spesso gravi problemi sociali o lavorativi: una malattia immaginaria di chi non ha voglia di “lavorare”.

Chi ne è affetto si batte perché questa patologia e i suoi effetti siano riconosciuti : solo il Trentino l’ha annoverata tra le malattie invalidanti.  I pazienti non hanno alcun diritto a esenzioni di alcun tipo seppur necessitano di cure a vita.

La fibromialgia è “una sindrome da sensibilizzazione centrale caratterizzata dalla disfunzione della percezione, trasmissione e processazione del dolore, con prevalenza a livello dell’apparato muscolo-scheletrico. In breve è una malattia con alterazioni a livello del sistema nervoso centrale, motivo per il quale gli antinfiammatori non agiscono efficacemente”.

Oltre al dolore muscolo-scheletrico diffuso, i pazienti lamentano numerosi sintomi, i più frequenti dei quali i disturbi del sonno, l’astenia, la sindrome da colon irritabile e vari problemi neuropsicologici tra cui l’ansia, la depressione reattiva alle limitazioni e le disfunzioni cognitive.

La diagnosi può essere formulata sia con i vecchi criteri classificati del 1990, che richiedono la presenza di dolore muscolo-scheletrico diffuso da almeno 3 mesi e la positività di almeno 11 trigger point sui 18 previsti, sia con i più recenti criteri diagnostici, formulati dall’ACR nel 2010, in cui, oltre al dolore cronico diffuso, viene attribuita maggiore importanza ai sintomi extra-scheletrici.

Un programma terapeutico multimodale che comprende l’utilizzo di farmaci, il RICONDIZIONAMENTO FISICO, e le diverse strategie operative che fanno parte della terapia COGNITIVO COMPORTAMENTALE, rappresenta, attualmente, il gold standard della terapia della fibromialgia.

Il 12 maggio, si svolgerà la giornata di sensibilizzazione sulla Fibromialgia: stand informativi saranno in diverse piazze d’Italia per presentare quella che è una patologia vera con dolori  che possono divenire anche invalidanti.

«Il problema enorme – sostengono le persone colpite da fibromialgia – è la mancanza di cure ben definite per migliorare, tanti malati sono confusi e si autogestiscono. Il lavoro  e la vita quotidiana spesso sono altamente compromessi soprattutto  in fase acuta. Il Ministero della Sanità ha risposto alle associazioni in modo speranzoso e sicuramente approfondirà l’argomento,  è un piccolo traguardo».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 09 Maggio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.