Due scuole alleate per portare a Varese il laboratorio dell’innovazione

Il Miur premia le reti di scuole che fanno capo al Tosi di Busto e al Ponti di Gallarate. Imprese e università collaboreranno per aiutare chi vuole sviluppare idee

laboratorio

Uno spazio dove far crescere le idee. Un luogo di confronto aperto a tutti. Un incubatore dove far convergere creatività e sviluppo.
La provincia di Varese verrà premiata dal Ministero dell’Istruzione grazie al progetto di “Laboratorio territoriale presentato dalla rete di scuole ( dalla primaria alle superiori) che fa capo all’istituto tecnico Tosi di Busto, uno dei 58 selezionati a livello nazionale.

Grazie alla collaborazione con la rete del Ponti di Gallarate, l’idea di un grande laboratorio diffuso diventerà realtà ottenendo 750000 euro. « Il bando è uscito lo scorso anno – racconta la dirigente del Tosi Nadia Cattaneo – Alla fine della prima scrematura, con 151 candidature in corsa, io e la preside del Ponti abbiamo deciso di unire le forze dei nostri due gruppi per non farci sfuggire questa occasione. L’idea è quella di creare un luogo aperto, dotato di tecnologie e strumentazioni all’avanguardia dove studenti ma anche cittadini con idee potranno confrontarsi con aziende e associazioni di categoria».

Nelle intenzioni del Ministero si creeranno spazi dall’alto profilo innovativo a disposizione di più scuole del territorio, dove sviluppare pratiche didattiche avanzate in sinergia con le politiche locali per il lavoro e le imprese,  poli d’eccellenza particolarmente ambiziosi che possano attrarre e concentrare le risorse disponibili piuttosto che frazionare i finanziamenti tra le varie scuola coinvolte nella rete. L’obiettivo è quello di stimolare l’occupazione e il lavoro.

Lo spazio Tosi-Ponti è uno degli 8 poli che si apriranno in Lombardia: « Giovedì andrò al Ministero per capire quali saranno le prossime procedure – spiega la preside Cattaneo – Sarà sicuramente un ambiente aperto a tutte le scuole del Varesotto ma anche a cittadini singoli, studenti universitari. Qui convergeranno anche le associazioni di categoria come Univa, Confartigianato, API, Unison, le associazioni delle aziende macchine utensili e robotica, piuttosto che le università Liuc e Cattolica e l’Aslam e l’ente Provincia».

Di giorno ma anche alla sera, in questo spazio, che potrebbe avere una sede diversa da quella della scuola, si potrà accedere per sperimentare ma anche per confrontarsi: « Importante sarà lo sviluppo di metodologie didattiche utili a sviluppare quelle “soft skills” richieste dal mondo del lavoro».

I tempi di realizzazione verranno comunicati prossimamente: « È chiaro che si tratta di un progetto delicato e ambizioso e ci vorrà del tempo per farlo diventare operativo. La sua durata sarà decennale. Non è ancora chiaro come verrà allestito ma, immagino, saranno moduli flessibili da rendere sempre innovativi e al passo con lo sviluppo tecnologico».

Due scuole unite per far vincere il territorio: la rete del Tosi porterà le sue eccellenze nel campo delle tecnologie e della comunicazione, del tessile e calzaturiero mentre quella del Ponti curerà il settore aerospaziale e della mobilità.

Alessandra Toni
alessandra.toni@varesenews.it

Sono una redattrice anziana, protagonista della grande crescita di questa testata. La nostra forza sono i lettori a cui chiediamo un patto di alleanza per continuare a crescere insieme.

Pubblicato il 05 Luglio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.