In cava la riproduzione dell’incendio dell’auto di Marisa Maldera

La morte della moglie di Giuseppe Piccolomo, Marisa Maldera, sarà riprodotta fedelmente in un esperimento giudiziale, in corso presso il cementificio di Caravate

Inizia la Varese Design week

La morte della moglie di Giuseppe Piccolomo, Marisa Maldera, sarà riprodotta fedelmente in un esperimento giudiziale, in corso presso il cementificio di Caravate, nella zona della cava.

Galleria fotografica

Prove incendio auto moglie Piccolomo 4 di 9

Da questa mattina, martedì 25 ottobre, i carabinieri, la polizia di Stato e i vigili del fuoco insieme alla polizia locale del Medio Verbano stanno lavorando per effettuare l’esperimento: gli investigatori hanno recuperato una Volvo Polar di colore bianco, del tutto identica a quella utilizzata da Piccolomo la notte in cui a seguito di un incidente scoppò un incendio e morì Marisa Maldera.

All’interno della vettura è stata posizionata una tanica di benzina, come risulta dal racconto del Piccolomo, e un manichino.  L’incendio vero e proprio è previsto per le 15.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 25 Ottobre 2016
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Prove incendio auto moglie Piccolomo 4 di 9

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.