Tradate ad Accumoli per aiutare i bambini e ragazzi colpiti dal terremoto

Una delegazione tradatese è andata nel paese terremotato e ha incontrato il sindaco locale per pianificare gli aiuti a sostegno degli studenti

Tradate ad Accumuli

Una delegazione di Tradate è andata ad Accumoli, paese colpito dal terremoto lo scorso agosto, per far nascere un nuovo progetto dedicato ai bambini e ai ragazzi che prenderà vita nei prossimi giorni. Il viaggio dell’amministrazione comunale locale è avvenuto nella giornata di lunedì 28 novembre per pianificare le future collaborazioni tra le due città.

Galleria fotografica

Tradate ad Accumuli 4 di 9

La delegazione tradatese era composta dal sindaco Laura Cavalotti, da Giordano Colombo e Salvatore Bruzzese della Protezione Civile, da Guido Cargnin vicecomandante della Polizia Locale, e da Antonella Bogani dell’associazione Banca del tempo. Insieme hanno incontrato il sindaco di Accumoli, Stefano Petrucci, che ha illustrato loro le difficoltà dopo il sisma, oltre alla ricostruzione.

Tradate ad Accumuli

L’incontro è avvenuto nel prefabbricato adibito a Comune, nel centro di emergenza della Protezione civile nazionale e Regione Lazio. «Il sindaco Petrucci è molto preoccupato – spiega il primo cittadino tradatese -: subito dopo la prima scossa erano motivati e hanno reagito bene, ma dopo la seconda scossa ha preso il sopravvento l’incertezza del futuro».

Accumoli conta 666 abitanti, su un territorio di 86 chilometri quadrati (4 volte Tradate); ha 17 frazioni, mentre 70 ragazzi delle scuole, dalla materna al liceo, sono ospitati a S n Benedetto del Tronto. «I nostri giovani – spiega il sindaco Cavalotti – devono conoscere la realtà del terremoto e sentirsi partecipi, solidali e utili ai loro compagni. Torneremo qui ad Accumuli con il materiale che ci richiederà il Sindaco per i suoi ragazzi».

di manuel.sgarella@varesenews.it
Pubblicato il 28 novembre 2016
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Tradate ad Accumuli 4 di 9

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore