Tutti gli incidenti con gli animali selvatici in provincia

Dai 150 casi registrati nel 2012 ai 250 del 2015: i dati sui sinistri che hanno coinvolto la fauna selvatica dai registri della polizia provinciale

Incidenti con animali

Riceviamo continuamente molte segnalazioni che riguardano avvistamenti di animali selvatici in luoghi pericolosi o addirittura di incidenti che si sono già verificati. Sono allarmanti, su tutti i fronti: per la sicurezza della viabilità dell’uomo, per gli animali e perché sembrano essere sempre di più.

Questa percezione, tuttavia, spesso dipende dal fatto che quando scriviamo di un incidente, o di un avvistamento, molti lettori sono portati a segnalarcene di nuovi alterando a volte la percezione del fenomeno. Per questo abbiamo deciso di ricorrere ad una fonte di dati che può aiutarci a dare una dimensione puntuale di quel che accade sul nostro territorio.

Si tratta del registro degli incidenti che hanno coinvolto la fauna selvatica in possesso delle comunità montane. È un database che è stato analizzato anche per cercare delle soluzioni al problema ma che ha una sua valenza pubblica e merita di essere conosciuto.

Cominciamo quindi con un grafico che restituisce una dimensione del problema suddiviso per anni. È interessante notare come il numero di incidenti contenuti nel database sia cresciuto dai poco più che 150 del 2012 agli oltre 250 del 2015 e che le specie più interessate dal fenomeno siano i caprioli, i cervi e i cinghiali con una decisa crescita degli ultimi due nel 2015.

Incidenti con fauna selvatica

Si tratta, naturalmente, soltanto degli incidenti che sono stati segnalati e dunque inseriti nel database della polizia provinciale, ma restituisce comunque una condizione interessante da analizzare.

Interessante è anche analizzare le aree della provincia dove si verificano la maggior parte degli incidenti. In questa immagine, ad esempio, abbiamo selezionato i luoghi dove si verificano gli incidenti che coinvolgono i caprioli, i cervi e i cinghiali:

Incidenti con fauna selvatica

Mentre in questa mappa interattiva potete osservarli tutti nel dettaglio suddividendoli per specie.Si nota molto bene come i Comuni di Luino e Valganna siano i più interessati dal fenomeno rispettivamente con 73 e 72 incidenti negli ultimi anni.


Un altro elemento che può essere utile è l’orario in cui si sono verificati gli incidenti negli ultimi 4 anni. lo si può osservare nel grafico seguente dove si nota che la maggior parte di essi avviene all’alba, con un picco intorno alle 5 del mattino, e soprattutto in serata a partire dalle 17 e fino a notte fonda.

Incidenti con fauna selvatica

Esiste anche una stagionalità degli incidenti che coinvolgono la fauna selvatica con due punte: in primavera e in autunno.

Incidenti con fauna selvatica

Passiamo, infine, alle curiosità. Tra le specie vittime di incidenti ci sono anche 12 mufloni, 18 tassi, 30 volpi, un piccione e, purtroppo, anche un lupo che dopo 100 anni ha rimesso piede nel Varesotto ed è stato subito investito da un’auto sulla superstrada 336 di Somma Lombardo.

di tomaso.bassani@varesenews.it
Pubblicato il 13 novembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore