Con un arresto per spaccio la Polizia chiude la sede di via Candiani

Ultima operazione del commissariato prima del trasferimento definitivo. Arrestato e processato per direttissima un 30enne

commissariato polizia busto arsizio volante

Era la serata del 30 novembre quando, verso le ore 22.15, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Busto Arsizio hanno arrestato un cittadino italiano di 30 anni, residente a Busto Garolfo, con precedenti di polizia per reati inerenti gli stupefacenti, per detenzione ai fini di spaccio.

In particolare, dalla perquisizione a casa del il trentenne, già conosciuto come assiduo fornitore di dosi di stupefacente nella piazza di Busto Arsizio, sono state rinvenuti e sequestrati 83 grammi di hascisc, 50 grammi di marijuana, oltre ad una piantina di quest’ultima sostanza. Inoltre, elemento interessante, l’uomo era in possesso di dosi di pura resina di cannabis indica, anch’essa sequestrata: si tratta della parte della pianta che contiene la percentuale più elevata di principio attivo e che rivendeva ai suoi clienti a prezzo altissimo.

Il cittadino italiano è stato posto ai domiciliari e condannato per direttissima alla pena di 8 mesi di reclusione e sottoposto all’obbligo di firma. Si è conclusa quindi con un arresto l’era del Commissariato di Busto Arsizio presso la sede di Via Candiani. Le attività degli agenti, infatti, si sono spostate nella nuova sede di via Ugo Foscolo, all’interno della ex sede dell’Enel.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore