Fermato a Porta Garibaldi l’uomo che aveva accoltellato “un concorrente”

È un 30enne "carrellista", che si offre come facchino abusivo: è stato rintracciato dopo una settimana da Polaria e Polfer

Richiedenti asilo protestano a Busto Arsizio

Rintracciato ed arrestato l’autore del ferimento avvenuto nella tarda mattinata del 28 novembre presso la stazione ferroviaria del Terminal 1 dello scalo di Malpensa. Dopo essere stato identificato dalla Polizia di Stato dell’Ufficio di Frontiera dell’aeroporto, M.Y. cittadino marocchino di trent’anni, già arrestato due anni fa dagli uomini della Polaria per lesioni gravi ai danni di un cittadino del bangladesh che come lui procacciava i carrelli ai passeggeri offrendo un servizio di facchinaggio, è stato denunciato dagli uomini della Polaria alla Procura della Repubblica di Busto Arsizio. Nel contempo sono state inserite le ricerche per rintracciare M.Y. che subito dopo l’efferato gesto si era dato alla fuga rendendosi irreperibile.

Nel pomeriggio di sabato 3 dicembre la Polizia Ferroviaria di Milano Porta Garibaldi ha contattato i colleghi della Polizia di Frontiera di Malpensa segnalando che M.Y. era stato trovato presso la biglietteria della stazione ferroviaria milanese. Di intesa con il PM della Procura della Repubblica di Busto Arsizio, titolare delle indagini, dott.ssa Calcaterra, e del Sost. di Turno presso la Procura di Milano, la Polizia Ferroviaria, previo invio da parte della Polaria di tutta la documentazione, ha proceduto al Fermo di Polizia Giudiziaria del cittadino marocchino, conducendolo presso la casa Circondariale di San Vittore.

M.Y. è persona nota alla Polizia di Stato dell’Ufficio di Frontiera dell’aeroporto, in quanto già arrestato per un analogo episodio nel marzo 2014. Scarcerato nell’agosto del medesimo anno, M.Y. veniva accompagnato con provvedimento del Questore di Varese presso il CIE di Bari al fine di dare esecuzione al provvedimento di espulsione. Durante la permanenza al centro M.Y. presentava istanza di asilo politico, recentemente negata dalla Commissione territoriale per Rifugiati.

Intanto nei giorni scorsi la Polaria ha effettuato reiterati controlli nei confronti di alcuni personaggi che gravitano in aerostazione allo scopo di procacciare clienti per il trasporto dei bagagli, tutti noti ed identificati nei cui confronti sono stati adottati provvedimenti amministrativi come il foglio di via, non disponendo di altri strumenti per contrastare il fenomeno, trattandosi per lo più di stranieri regolari sul territorio o italiani con qualche precedente (qui uno dei tanti articoli dedicati alla questione da VareseNews). Già in passato la concorrenza tra abusivi si era trasformata in rissa con un ferito grave (vedi qui).

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore