Il villaggio di Babbo Natale si sposta a Casciago

Ricordate il villaggio di Babbo Natale, che l'anno scorso aveva rallegrato i bambini ai giardini Estensi tra il liceo musicale e villa Mirabello? Lo potete trovare anche quest'anno, ma ha cambiato indirizzo

Arriva a Casciago il villaggio di Babbo Natale

Ricordate il villaggio di Babbo Natale, che l’anno scorso aveva rallegrato i bambini ai giardini Estensi tra il liceo musicale e villa Mirabello? Lo potete trovare anche quest’anno, ma ha cambiato indirizzo: tutta l’organizzazione dell’anno scorso si è infatti trasferita a Villa Castelbarco, a Casciago.

CASCIAGO DIVENTA LA CAPITALE DI BABBO NATALE

«Trasformeremo Casciago per due giorni nel villaggio di babbo Natale – annuncia infatti il direttore di Aime Gianni Lucchina – Siamo contentissimi, ma ahimè dopo il successo dell’anno scorso, in cui abbiamo coinvolto 1450 bambini insieme alle rispettive famiglie, Varese ha ritenuto quest’anno di non assecondare una seconda edizione dell’evento. Abbiamo fatto domanda infatti il 25 luglio scorso, e al 4 novembre la risposta è stata che non avevamo le sale disponibili. Ne abbiamo preso atto, anche se era molto tardi per avere una risposta negativa, ma non ci siamo arresi: abbiamo ottenuto la gentile disponibilità del comune confinante e così Casciago è diventata la capitale di babbo Natale».

«Quando ci ha telefonato Gianni, sono stato ben contento – ha commentato Andrea Zanotti, sindaco di Casciago – Primo perchè davamo una mano al comune di Varese, che non aveva spazi per un evento simile. Poi perchè è per noi una grande occasione: anche se un po’ i numeri mi spaventano, sono cifre a cui non siamo abituati. Ma più gente viene a visitare Casciago meglio è».

«Ringrazio innanzitutto il sindaco, perchè ci è stato vicino ad ogni “pazza” richiesta per fare il villaggio il più bello possibile. E, poichè a Natale scorso i giocattoli ritirati li abbiamo donati al villaggio SOS di Morosolo, siamo contenti di essere quest’anno “a casa loro” e di godere del loro appoggio – Ha commentato Sonia Milani, che con la sua 23&20 ha organizzato sia il villaggio varesino dell’anno scorso, sia quello che aprirà in questo weekend a Casciago – Detto questo, sono stata caparbia ad insistere su questo evento perchè ci ho creduto l’anno scorso e ci credo ancora di più quest’anno. Quando ho deciso di organizzare il villaggio era perchè ero andata con le mie piccole figlie per diversi anni ad Ornavasso e, vedendo quello che era uno dei villaggi più famosi e frequentati d’Italia mi sono detta “Ornavasso non ha niente di più di Varese, anzi”. Per questo ho voluto provarci, e dopo il grande successo della prima edizione non ho voluto lasciare cadere la cosa».

Del resto, un’idea come quella del villaggio di Babbo Natale è innanzitutto una proposta di marketing territoriale, e come tale il sindaco di Casciago la considera: «Come amministrazione dobbiamo ripensare a un territorio che non può più contare sull’industria – ha confermato Andrea Zanotti – Ripensare alla vocazione del territorio significa girarlo su una vocazione piu turistica, guardando gli aspetti culturali, ambientali, paesaggistici. Per noi questa è una grande occasione: ovviamente questo per noi è un esperimento, ma ci siamo affidati a persone già brave. Ma per far riscoprire un territorio e un ambiente si parte da questi eventi, se non si vuole far diventare questo un comune dormitorio».

Arriva a Casciago il villaggio di Babbo Natale

UNA PASSEGGIATA NEL VILLAGGIO: COSA SUCCEDERA’

Come funzionerà il villaggio, che sarà aperto sabato 17 il pomeriggio e nella giornata di domenica 18?

Innanzitutto bambini entreranno dal villaggio dalla porta principale di villa Castelbarco, antica villa nobiliare con un enorme parco e una meravigliosa terrazza comunale dalla straordinaria vista. Verranno poi accompagnati dagli elfi nei laboratori del villaggio. dove costruiranno dei bei regalini di Natale con materiali di riciclo (cartoni della carta igienica e lana), e potranno riscoprire la lettura “disegnando” il proprio libro di favole.

Un piccolo mercatino, con 8 casette natalizie in mezzo alle quali ci sarà la casetta di Babbo Natale: lì un barbutissimo Babbo Natale farà le foto con i bambini e raccoglierà le letterine. «Da segnare: se portano una busta preaffrancata insieme alla letterina, Babbo Natale invierà anche la risposta» spiega Sonia Milani.

All’uscita li attende la merenda: per tutti, bimbi e genitori. «Ringraziando gli sponsor: Lindt, Maghetti, Latte Varese, Salumificio Colombo».

Il percorso durerà in tutto circa un’ora e mezza:«Ai bambini richiesto contributo di 5 euro a testa per contribuire alle spese, ma ai genitori non si chiede niente. Tant’è vero che gli adulti che vogliono venire a visitare il villaggio senza bambini al seguito, lo possono fare gratuitamente».

Gli orari sono diversi per sabato 17 e domenica 18: sabato il villaggio è aperto nel pomeriggio, dalle 15 alle 18, mentre domenica 18 l’orario per la casetta di Babbo Natale e i laboratori è dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 17.30. Il villaggio ha  poi una convenzione con la trattoria Cavour di Casciago per il pranzo della domenica: menu riservato a prezzi scontati.

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 15 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore