Sguardi d’Essai prosegue, fino a marzo tanti film di qualità

La rassegna cinematografica nelle quattro sale cinematografiche cittadine è stata rilanciata dagli organizzatori e dall'amministrazione comunale: "Un orgoglio per Busto città del cinema"

paola magugliani emanuele antonelli

“Sguardi d’essai – Sale cinematografiche culturali di Busto Arsizio” è il progetto di coordinamento che da quattordici anni riunisce quattro sale cinematografiche attive nella città di Busto Arsizio: dal martedì al venerdì (con repliche il sabato e la domenica) San Giovanni Bosco, Manzoni, Fratello Sole e Lux offrono al pubblico una variegata selezione di autori, cinematografie e generi.

Una selezione che attira ogni anno 1800 persone che gravitano attorno a queste sale e alle proiezioni in calendario. La media di presenze ai cineforum è superiore alle 150 persone e hanno trovato un pubblico attento, colto e raffinato anche con le proiezioni pomeridiane.

Oltre a strutturare in maniera armonica le programmazioni delle sale aderenti, il coordinamento punta a favorire occasioni di incontro con registi, critici, attori e professionisti del settore e a promuovere il cinema internazionale e italiano, d’autore e di qualità. In particolare per la promozione del cinema italiano Sguardi d’essai è partner indispensabile del B.A. Film Festival.

 

Negli anni il coordinamento ha conferito a varie personalità e istituzioni del mondo cinematografico il premio B.A. Cinema d’essai.

Tra i premiati: Giancarlo Castelli, curatore del primo cineforum di B.A. nel 1974, fondatore del Movieclub di Milano (con Tatti Sanguineti e Aldo Grasso) e fondatore del Centro Studi Cinematografici; i registi Paola Randi e Max Croci; i proiezionisti delle sale di Sguardi d’essai; l’Associazione degli studenti dell’Istituto Cinematografico Michelangelo Antonioni; la Paco Cinematografica di Isabella Cocuzza e Arturo Paglia per la produzione di Basilicata Coast to Coast.
Ogni anno, nel mese di settembre, si svolge la Festa del Cinema d’essai di Busto Arsizio – ospitata a rotazione in una delle sale del coordinamento – che inaugura una nuova stagione cinematografica. Alla Festa del Cinema d’essai sono stati presentati classici della Storia del Cinema (Ozu, Lubitsch), film d’autore italiani e stranieri e, in particolare, opere provenienti da continenti lontani (Oceania, America Latina, Asia, Africa).

Nell’ultima edizione (settembre 2016) è stata proposto la visione di Playtime di e con Jacques Tati (1967, Francia, Colore, 119′) in versione restaurata. Altri eventi straordinari si sono svolti anche a dicembre.

Alle proiezioni e agli incontri sono seguiti buffet e degustazioni a tema: cucina giapponese, africana, dello Sri Lanka, lucana, “medioevale” (ispirata al film I colori della passione), dolci di tutto il mondo… e infine degustazioni di vini.
Sono stati graditi ospiti di Sguardi d’essai: gli studiosi di Cinema Steve Della Casa e Giancarlo Castelli, l’attrice Anita Caprioli, la regista Paola Randi, i registi Max Croci, Alessandro Leone, Francesco Fei, la scrittrice Laura Pariani, lo studioso di Storia dell’Arte Giuseppe Paciarotti.

Così dichiara Paolo Castelli, tra i coordinatori di Sguardi d’essai e direttore esecutivo del B.A. Film Festival: “Busto Arsizio è e si candida a diventare sempre più una cittadella dell’arte cinematografica, una città creativa del cinema, un luogo dove scoprire il cinema di tutto il mondo e, in particolare, quello italiano, lontano, nascosto, di nicchia ma anche di rinnovato successo internazionale”.

Come di consueto, dopo la pausa natalizia, partirà il nuovo calendario trimestrale per la stagione cinematografica 2016-2017 del cinema d’essai: martedì 10 gennaio al San Giovanni Bosco (ore 21.00); mercoledì 11 al Manzoni (ore 16.00 e 21.00); giovedì 12 al Fratello Sole (ore 16.00 e 21.00); venerdì 13 al Lux (ore 21.15).
Il programma completo per il trimestre gennaio-marzo 2017 è consultabile sul sito web www.sguardidessai.com e sulla pagina facebook: sguardi d’essai.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 20 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore