Trovata a pochi metri dal confine l’auto usata per la rapina

È stata trovata a Cremenaga l’auto servita per compiere la rapina nella filiale della banca Raiffaisen di Molinazzo di Monteggio, in Canton Ticino

141Tour Cremenaga

È stata trovata a Cremenaga nella notte l’auto servita per compiere la tentata rapina nella filiale della banca Raiffaisen di Molinazzo di Monteggio, in Canton Ticino.

Per cercare i responsabili, la polizia cantonale si è mossa nel pomeriggio di lunedì 5 dicembre, bloccando l’uscita delle auto in direzione Italia e provocando l’ira del sindaco di Lavena Ponte Tresa Massimo Mastromarino e di migliaia di lavoratori frontalieri.

L’auto è stata trovata dalla Polizia di Stato italiana a Cremenaga, vicino al confine, uno di quelli chiusi per effettuare i controlli. Le indagini sono ancora in corso per risalire ai responsabili della rapina e seguire i loro movimenti, anche con l’ausilio delle telecamere.

L’obiettivo dei malviventi era quello di rapinare il quantitativo di denaro presente nella banca e, per raggiungere lo scopo, i due hanno gettato del liquido nei locali della banca cercando di spaventare i presenti. La reazione immediata degli impiegati, che hanno chiuso subito la porta, ha fatto desistere i malviventi che si sono dati immediatamente alla fuga a bordo di una Fiat Uno, di colore argento, con targa italiana.

La vettura, in seguito ad accertamenti effettuati, è risultata rubata nella giornata di ieri a Busto Arsizio e successivamente abbandonata dopo la tentata rapina, non molto distante dal valico stradale di Cremenaga, in una zona poco transitata e vicina ad un’area boschiva; sono tutt’ora in corso gli accertamenti tecnico-scientifici, sul veicolo, al fine di isolare ed identificare eventuali tracce biologiche ed impronte digitali che possano aiutare gli inquirenti all’identificazione dei criminali.

La dinamica corrisponde alla classica “staffetta”; i due criminali, con molta probabilità, dopo la tentata rapina, hanno abbandonato la vettura rinvenuta, salendo a bordo di un’altra vettura “pulita” per non destare sospetti ed assicurarsi la fuga.

di tommaso.guidotti@varesenews.it
Pubblicato il 06 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore