Viaggio nella letteratura fantastica europea con Silvio Raffo

Una studentessa del liceo Tosi narra la particolare lezione tenuta dall'ex docente, oggi poeta e narratore, direttore della "Piccola Fenice"

silvio raffo

Pubblichiamo l’articolo realizzato da una studentessa del liceo Tosi di Busto Arsizio in occasione dell’intervento del professor Silvio Raffo


Venerdì 16 dicembre gli studenti di alcune classi del Liceo Tosi hanno assistito ad una stimolante lectio magistralis tenuta da Silvio Raffo, traduttore, poeta e narratore che dirige il centro di cultura creativa “La piccola Fenice”.

Una lezione di letteratura sui generis quella cui hanno potuto assistere alcuni studenti del triennio del liceo scientifico Tosi: Silvio Raffo ha proposto un viaggio nella letteratura fantastica europea.

Dopo una riflessione sulla letteratura italiana, che ispirandosi ai Promessi Sposi di Manzoni è rimasta quasi totalmente realista e legata al principio dell’ utilità della letteratura, armato del saggio “La letteratura fantastica” di Todorov l’ autore ha inizialmente delineato i tratti salienti del filone del fantastico e delle sue sfumature del meraviglioso, dello strano e del puro.

Si è dimostrata vincente, anzi avvincente la scelta di presentare i vari caratteri del fantastico leggendo sia in nella traduzione italiana che talvolta in lingua originale i testi più esemplificativi.

Particolarmente interessante è stata la trattazione del gothic novel attraverso l’ analisi di Frankenstein di Mary Shelley, in cui Raffo ha presentato i tratti più curiosi della biografia dell’autrice “Mary era una ragazza molto fragile rapita dal meraviglioso Percy Shelley ”, della nascita del romanzo “Nel 1816 ospiti in casa di Lord Byron fecero una specie di scommessa su chi avrebbe scritto il racconto dell’ orrore più spaventoso” e di quella del celeberrimo mostro “Mary, che aveva avuto tre gravidanze isteriche e soffriva di allucinazioni, vide una sagoma mostruosa, nasce lì Frankenstein, il capolavoro del genere gotico”.

Il professor Raffo tornerà al Tosi di Busto per uno degli aperitivi con lo scrittore promossi dal liceo con la collaborazione della libreria Ubik, per presentare il suo ultimo libro, “Le insidie celesti”, una raccolta di otto racconti neogotici e fantastici.

Sarà l’ occasione per chiunque volesse saggiare la sua lodevole capacità oratoria e la sua vasta cultura.

Elisabetta Mara

di
Pubblicato il 20 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore