Busto ospiterà una tappa del Giro d’Italia di Handbike

Il 3 settembre i migliori atleti della specialità paralimpica (in cui l'Italia primeggia) saranno sul circuito organizzato dall'Associazione Nazionale Alpini e dall'amministrazione

presentazione giro d'italia handbike tappa busto arsizio 2017

Farà tappa a Busto Arsizio il 3 settembre prossimo il Giro d’Italia HandBike, evento sportivo per atleti in carrozzina giunto all’ottava edizione. Il Gruppo dell’Associazione Nazionale Alpini “De Simoni” di Busto Arsizio si farà carico dell’organizzazione, in collaborazione con l’Amministrazione comunale e il patrocinio della Fondazione comunitaria del Varesotto.

La tappa bustocca è stata presentata questa mattina a Palazzo Gilardoni dalle realtà impegnate in questa manifestazione, dalle associazioni del territorio che si occupano di persone diversamente abili come l’Aias con Stefano Bergamaschi e dagli assessori Stefano Ferrario (Sport), Miriam Arabini (Servizi Sociali) e Alberto Riva (in qualità di socio dell’Ana, al fianco de presidente Franco Montalto). Alla conferenza stampa hanno preso parte anche Vito Lascaro (atleta di handbike) e Carlo Donghi di Aias che hanno raccontato le loro esperienze sportive.

Proprio Montalto, insieme ad un altro socio che fa parte dell’associazione Mtb Evaloon, ha spiegato come è nata la collaborazione con gli organizzatori del Giro d’Italia di Handbike (che nella nostra zona ha già fatto tappa a Castellanza e a Olgiate Olona, in passato) e il grande impegno necessario a fare in modo che la manifestazione sportiva si svolga secondo le caratteristiche richieste.

Si tratta di uno sport in grande ascesa nel mondo paralimpico, grazie anche a testimonial come Alex Zanardi (tre ori a Rio de Janeiro a 50 anni suonati) mentre è l’orgoglio dell’Altomilanese Paolo Cecchetto, anche lui oro di handbike a Rio.

Il giro

Le tappe saranno otto: oltre a Busto gli atleti gareggeranno a Magenta (MI), Tirano (SO), Chiavari (GE), Roccaraso (AQ), Cologne (BS), Desio (MB), Verona (VR). Il percorso attraverserà le vie cittadine su un tracciato predisposto e concordato con il Comando di Polizia Locale, lungo 4,5 km con partenza alle ore 10.30 dal museo del tessile dove sarà allestita la logistica. Circa un centinaio i partecipanti.

Il percorso

Questo l’itinerario: via Volta, Via Zappellini, Viale Duca d’Aosta, Via Cesare Correnti, Piazza Trento e Trieste, Via Giuseppe Mazzini, Piazza Manzoni, Via Silvio Pellico, Via Rimembranze, Viale Assisi, Via Palestro, Piazza Manzoni, Piazza San Michele, Via Volta.
Circa 100 gli atleti da tutta Italia che parteciperanno alla manifestazione, un esempio di come la pratica sportiva possa rappresentare un’opportunità per i disabili di sentirsi come tutti gli altri, i cosiddetti normodotati.
Così ha commentato l’evento Stefano Ferrario: «Guardo a questo evento come a un evento sportivo normale, non con un occhio di riguardo perché questi atleti sono disabili. Sono atleti come tutti gli altri. Busto lo ha dimostrato di recente anche in occasione dei campionati di scherma per atleti paralimpici». L’assessore ai Servizi Sociali Miriam Arabini: «Sarà uno straordinario evento di inclusione sociale, apriamo gli orizzonti della nostra mente e del nostro cuore affinchè nessuno si senta diverso».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 27 febbraio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore