Diecimila euro per le scuole dei territori colpiti dal terremoto

Sono i fondi raccolti con le iniziative benefiche volte tra novembre e dicembre, integrati da una quota stanziata dall'amministrazione comunale: "Le scuole devono continuare a funzionare"

varie

Diecimila euro per le scuole dei territori colpiti dal terremoto.

Li ha stanziati il Comune di Comerio, in accordo con le associazioni del paese che hanno partecipato alle iniziative in favore delle popolazioni terremotate (13 novembre in occasione di Comerio Solidale e 11 dicembre, data dell’evento mercatini natalizi organizzato dalla Pro Loco).

«Le cifre raccolte sono state integrate da un contributo di poco inferiore ai 2.000 euro, stanziato da tutta l’amministrazione comunale di Comerio, con il quale si è raggiunta la cifra di 10.000 euro – spiega Silvio Aimetti, sindaco di Comerio -. L’amministrazione ha avuto modo di confrontarsi con la dirigente scolastica e i ragazzi e del consiglio comunale dei ragazzi con i quali si è deciso di individuare alcuni Istituti Scolastici siti nelle zone terremotate e destinar loro un contributo per la didattica: le scuole devono continuare a funzionare».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 02 Febbraio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.