Missione salvataggio avannotti: nel lago di Varese calata una “nursery” per persici e sandre

L’innovazione messa in acqua dalla Cooperativa dei Pescatori del Lago di Varese al largo di Cazzago Brabbia nei giorni scorsi

Missione salvataggio avanotti

Una nursey per salvare gli avannotti di pesce, in particolare di persico e sandra.

Galleria fotografica

Missione salvataggio avanotti 4 di 5

È questa l’innovazione messa in acqua dalla Cooperativa dei Pescatori del Lago di Varese al largo di Cazzago Brabbia nei giorni scorsi. Si tratta di un’antigabbia, come viene definita in gergo: una struttura di rete alta 5 metri, posata a formare un quadrato di 8 metri di lato, con una maglia sufficientemente larga da permettere agli avannotti di pesce, in particolare di persico e sandra, di circolare liberamente e di sfruttare a proprio piacere le correnti, sfuggendo così alle stratificazioni che il nostro lago regala.

«L’idea è una di quelle che lasciano sorpresi per semplicità e per ribaltamento dei luoghi comuni. Ben lontano dal concetto di allevamento, l’antigabbia (così è già stata ribattezzata, ma a noi pare più una nursery) che la Cooperativa dei Pescatori ha sorprendentemente impiantato al largo di Cazzago pare funzionare davvero già a pochi giorni dall’installazione – spiega Paolo Giorgetti, presidente della Cooperativa dei Pescatori –. La struttura di rete calata nel lago è un luogo sicuro in cui trovare rifugio dalle scorribande dei predatori, pesci o uccelli che siano, dimensionata per dare protezione proprio nei primi mesi di vita quando la decimazione della micidiale lotta per la vita fa maggiori vittime. Un cubo di acqua protetta di 320 milioni di litri da subito preso d’assalto perché sapientemente realizzato a ridosso di una delle legnaie, luogo di deposizione e di schiusa delle uova dei persici che i pescatori predispongono ogni primavera, e lontano dai ripari naturali delle rive che l’eutrofia ormai condanna all’eccessivo riscaldamento».

«L’operazione, che cela una profonda conoscenza del comportamento delle specie animali e dell’ambiente nel suo complesso, timidamente getta un po’ di dubbio sulle parole dei grandi esperti che leggiamo, ormai senza più alcuna speranza, periodicamente – continua Giorgetti -. E l’augurio è che a queste azioni di tutela della Cooperativa, degne di una lotta senza pari, seguano finalmente le azioni di chiusura degli scarichi fognari promesse da troppo tempo dalle amministrazioni dei comuni che si affacciano sul nostro bel lago. Ai frequentatori del lago e ai pescatori tutti, infine, va la nostra preghiera di mantenersi ad una distanza minima di rispetto».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 giugno 2017
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Missione salvataggio avanotti 4 di 5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore