Alfatherm, l’accordo sulla chiusura di Venegono rimandato a settembre

Positivo l'esito dell'incontro tra le parti sociali nella sede Univa di Busto Arsizio. Obiettivo arrivare alla dismissione del sito salvaguardando i posti di lavoro

Venegono Superiore - Alfatherm

L’Alfatherm procederà alla chiusura della sede di Venegono Superiore, ma proprietà e sindacati lavoreranno insieme per contenere al massimo la perdita di posti di lavoro.

E’ questo il risultato dell’incontro che si è svolto martedì pomeriggio nella sede Univa di Busto Arsizio tra le parti sociali. L’incontro è durato a lungo, fino a sera, ma pare che si siano fissati quasi tutti i punti per arrivare ad una positiva conclusione della vertenza, con un numero minimo di licenziamenti.

La chiusura di Venegono rientra nel nuovo piano industriale di Alfatherm, come ha spiegato l’ad Marino Uberti sul quotidiano di settore Polimerica.it: “L’obiettivo di Alfatherm è quello di assicurare un futuro all’azienda e ai lavoratori – afferma l’Amministratore delegato, Marino Uberti, si legge nell’articolo – Intendiamo concentrarci in quei settori di mercato in crescita con una forte penetrazione sui mercati esteri, in particolare ‘surface decoration’, sleeves e capsule, adesivizzazione. La recente partecipazione a fiere internazionali in Cina e in Germania testimonia un grande interesse verso i prodotti più innovativi. Per questo sono stati pianificati investimenti significativi sia sugli impianti per migliorare la qualità delle produzioni, sia in ricerca e sviluppo”.

“La chiusura di Venegono – aggiunge Uberti – è una condizione necessaria per far sì che l’azienda possa contare su siti produttivi più efficienti e moderni e per assicurare un adeguato livello di competitività sui mercati nazionali e internazionali”.

I sindacati, da parte loro, hanno deciso di non rilasciare per il momento dichiarazioni sui contenuti dell’accordo, che verrà sottoposto nelle prossime settimane alla discussione dei lavoratori nelle tre sedi di Alfatherm a Venegono Superiore, Gallarate e Gorla Minore. Si respira però una sensazione di ottimismo: sono state poste le basi per un accordo soddisfacente che dovrà essere perfezionato con alcune richieste avanzate da Cgil, Cisl e Uil.

Per la chiusura dell’accordo e la firma, dunque, le parti sociali si incontreranno nuovamente a settembre.

Mariangela Gerletti
mariangela.gerletti@varesenews.it

Giorno dopo giorno con VareseNews ho il privilegio di raccontare insieme ai miei colleghi un territorio che offre bellezza, ingegno e umanità. Insieme a te lo faremo sempre meglio.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 27 Luglio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.