Pro Patria, una vittoria sofferta che vale il primo posto

I tigrotti battono 2-1 il Caravaggio con le reti di Santana e Bortoluz, poi espulso

pro patria caravaggio

Vittoria complicata e sofferta per la Pro Patria, che batte 2-1 il Caravaggio e si porta a casa tre punti di grande grinta. Il Caravaggio ha dato il meglio, chiudendosi bene nel primo tempo e provando ad affondare nella ripresa, ma a togliere la Pro dai guai è stato ancora una volta Santana, questa volta in rete al 28’ di testa, festeggiando il decimo gol stagionale. Due minuti dopo arriva il raddoppio di Bortoluz, che però sull’esultanza viene espulso in maniera molto severa dall’arbitro, che gli commina la seconda ammonizione. Gli ospiti ci credono e trovano il punto del 2-1 con Romanini, chiudendo poi nel finale la Pro Patria in difesa. Il fortino biancoblu però regge agli attacchi e riesce a portare a casa i tre punti. La squadra di Javorcic si prende il primo posto, guadagnando tre punti sul Rezzano, che ha perso in casa con lo Scanzorosciate, e due sul Darfo Boario, agganciandolo a quota 21.

FISCHIO D’INIZIO – Terzo impegno in una settimana per la Pro Patria contro tre squadre bergamasche. Allo “Speroni” per la decima giornata di campionato arriva il Caravaggio, squadra molto insidiosa che frequenta le parti nobili della classifica con 15 punti. Mister Javorcic recupera Zaro dall’influenza e lo lancia al centro della difesa con Molnar e Scuderi, dando una possibilità a Mangano in porta. A centrocampo confermati Cottarelli e Galli sulle fasce, con Gazo e Pettarin in mezzo, mentre in avanti senza gli indisponibili Disabato e Le Noci, spazio ancora a Pedone dietro a Santana e Gucci. Gli ospiti partono con un 4-5-1 molto chiuso, nel quale Iniacio è l’unica punta.

IL PRIMO TEMPO – Pronti, via e la Pro Patria va vicina al vantaggio. Nella prima azione del match Pedone sfonda nella difesa ospite, ma non riesce a concludere, un paio di ribattute in area, ma la palla non entra. Dopo la prima fiammata, il Caravaggio si chiude in difesa, arroccandosi nel suo 4-5-1. Al 14’ Gucci serve Santana, ma l’argentino non riesce a battere il portiere avversario da dentro l’area. I tigrotti continuano a spingere, ma facendo fatica a fare breccia nella retroguardia ospite. Al 35’ Zaro lancia per Gucci, che fa sponda benissimo per Santana, ma il capitano anche in questa occasione non riesce a punire mandando a lato. Il Caravaggio prova ad alzare l’agonismo e la Pro Patria si innervosisce. Il tempo si chiude con una conclusione di Gazo dai 20 metri che Pala respinge in tuffo.

LA RIPRESA – Il Caravaggio riparte con Comelli al posto di Granillo e si schiera con la difesa a 3. La Pro Patria però parte ancora bene e al 2’ Santana crossa ottimamente per Cottarelli che sul secondo palo non trova l’impatto con il pallone sprecando una grande occasione. La gara sembra complicarsi per la Pro Patria, perché il Caravaggio prende campo e in difesa non lascia spazi. Al 28’ però ci pensa Santana, sempre lui, a sbloccare la sfida. Pedone lavora bene una palla a sinistra e crossa, il capitano svetta di testa e mette all’angolino per l’1-0. Passano due minuti e Bortoluz, appena entrato, scatta sul filo del fuorigioco e batte Pala in uscita per il 2-0, tornando al gol dopo il lungo infortunio. L’arbitro però decide di rovinare la festa all’attaccante, punendolo severamente per l’esultanza, vivace ma non offensiva, mostrandogli il secondo giallo e di conseguenza il rosso. Con la superiorità numerica il Caravaggio sente profumo d’impresa e al 40’ riesce ad accorciare con il colpo di testa da corta distanza di Romanini su cross dalla destra di Vezzoni. Il finale si fa così molto caldo per la Pro Patria, che nei 5’ di recupero si chiude in difesa. Ghidini al 49’ prova a sorprendere Mangano dalla lunghissima distanza, ma la palla esce di poco. La difesa della Pro regge e al triplice fischio finale è forte il boato dello “Speroni” per la vittoria sofferta.

TABELLINO

Pro Patria – Caravaggio 2-1 (0-0)

Marcatori: al 28’ st Santana (PP), al 30’ st Bortoluz (PP), al 40’ st Romanini (C).

Pro Patria (3-4-1-2): Mangano; Molnar, Zaro, Scuderi; Cottarelli, Gazo (dal 43’ st Mozzanica), Pettarin, Galli (dal 19’ st Arrigoni); Pedone (dal 32’ st Ugo); Santana (dal 35’ st Ghioldi), Gucci (dal 27’ st Bortoluz). A disposizione: Guadagnin, Marcone, Colombo, Agosti. All.: Javorcic.

Caravaggio (4-5-1): Pala; Redaelli, Zanola, Ghidini, Pelizzari (dal 44’ st Pirovano); Baldrighi, Murati (dal 38’ st Vezzoni), Lamesta, Moreo (dal 32’ st Buzhala), Granillo (dal 1’ st Comelli); Iniacio (dal 27’ st Romanini). A disposizione: Tognazzi, Buzhala, Facchinetti, Pirovano, Beretta, Crotti. All.: Bolis.

Arbitro: sig. Croce di Novara (Fusari e Palla).

Note: giornata variabile, terreno in discrete condizioni; Calci d’angolo 5-4; Ammoniti: Bortoluz, Cottarelli per la Pro Patria; Redaelli, Murati, Zanola per il Caravaggio. Espulso al 31’ st Bortoluz (PP) per doppia ammonizione. Recupero: 1’ + 5’.

SERIE D – GIRONE B – 10° GIORNATA: Lecco – Bustese 2-1; Romanese – Ciserano 1-1; Ciliverghe – Trento 2-1; Crema – Virtus Bergamo 0-1; Darfo Boario – Pergolettese 0-0; Dro – Pontisola 1-2, Grumellese – Lumezzane 1-2; Pro Patria – Caravaggio 2-1; Rezzato – Scanzorosciate 1-2. Riposo: Levico.

CLASSIFICA: Pro Patria, Darfo Boario 21; Rezzato 20; Pontisola, Ciliverghe 19; Pergolettese, Virtus Bergamo 18; Lecco 16; Caravaggio 15; Levico 12; Crema 11; Scanzorosciate, Bustese, Lumezzane 8; Dro, Trento 7; Grumellese 6; Romanese 5.

di francesco.mazzoleni@varesenews.it
Pubblicato il 22 ottobre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore