Linea antica, tecnologie nuove: riapre la ferrovia di Luino

Domenica 10 dicembre tornano i treni sulla linea Laveno-Luino-confine, adeguata con nuovi sistemi di sicurezza

Luino, il cantiere ferroviario

Riprenderà domenica la circolazione ferroviaria – sospesa dall’11 giugno scorso- sulla linea Laveno-Luino-Pino Tronzano.

Nel pieno rispetto del cronoprogramma, infatti, Rete Ferroviaria Italiana ha concluso la prima fase dei lavori di adeguamento di tredici gallerie della linea agli standard del corridoio europeo TEN-T Reno-Alpi per il trasporto dei container merci.

Una serie d’interventi che consentiranno di gestire i treni merci che – con l’avvio progressivo del sistema Alptransit – diventeranno sempre più centrali nel sistema di trasporti attraverso le Alpi, da qui al 2020, quando sarà attivato il tunnel del Ceneri. La linea è stata dotata anche di nuovi strumenti di sicurezza (che sulle ferrovie vengono costantemente aggiornati), alcuni rivolti in generale a monitorare la circolazione, altri pensati soprattutto per assicurare la sicurezza dei lunghi treni merci

società FS, sono stati rinnovati oltre 21 km di binario e 18 km della linea di alimentazione elettrica dei treni nonché adeguati i camminamenti all’interno delle gallerie fra Luino e Maccagno.

Nella stazione di Luino è stato realizzato un sottopasso, innalzati i marciapiedi del binario 1 tronco e dei binari 1, 2 e 3 a 55 cm – lo standard europeo previsto per i servizi ferroviari metropolitani per facilitare l’accesso ai treni – e completamente rinnovato il piano regolatore.

Sempre nella stazione di Luino è stato sostituito il sistema che regola la circolazione ferroviaria con un più moderno apparato centrale computerizzato che controlla, per la prima volta in Italia, il sistema di segnali ferroviari italiani (a Sud di Luino) e quelli svizzeri (sulla tratta Luino-confine, che è servita dalle ferrovie federali). Inoltre, sono stati rinnovati i “sistemi di rilevamento temperatura boccole” posti sulla linea per il monitoraggio completo dei treni in transito (misurano la temperatura degli assi treni, per segnalare eventuali surriscaldamenti). Un intervento che consentirà fin da subito una migliore regolarità e affidabilità del servizio ferroviario.

Ferrovia Luino-confine: i lavori

Nel comune di Luino è stata completata la prima fase per la realizzazione del nuovo sottopasso ciclo-pedonale e stradale che sostituirà il passaggio a livello.

Inoltre, è stato inoltre realizzato dal Comune di Maccagno con Pino e Veddasca, in collaborazione con RFI, un nuovo sottopasso pedonale.

L’nvestimento economico complessivo per le opere del valico di Luino è di 184 milioni di euro, di cui 45 milioni i lavori nel periodo giugno-dicembre.

Fin qui il lavoro svolto da RFI per adeguare le linee. In occasione della riattivazione sono stati pubblicati anche i nuovi orari Sbb e Trenord, che hanno suscitato anche qualche malumore per la riduzione parziale del servizio passeggeri. In ogni caso la ferrovia viene restituita domani ai viaggiatori del Luinese, che per sei mesi hanno dovuto fare i conti con autobus sostitutivi e coincidenze a Laveno.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 dicembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore