Delegazione luinese a Basovizza per il Giorno del ricordo

Il sindaco Pellicini con un gruppo di studenti di terza media si è recato a Trieste per le cerimonie ufficiali del 10 febbraio

Giorno del ricordo Luino a Trieste

Stamattina una delegazione luinese ha presenziato alla Cerimonia solenne dedicata al Giorno del Ricordo al Sacrario di Basovizza, sul Carso Triestino. La celebrazione è da considerarsi l’evento centrale di un più ampio programma di manifestazioni e iniziative, culturali e di approfondimento, organizzato dal Comune di Trieste e dal Comitato per i Martiri delle Foibe in occasione del Giorno del Ricordo 2018, ricorrenza istituita nel 2004 con legge dello Stato per ricordare le vittime delle Foibe, l’esodo giuliano-dalmata e le drammatiche vicende del confine orientale negli anni a cavallo del secondo dopoguerra. Oggi hanno assistito all’evento il Sindaco Andrea Pellicini, il Vice Sindaco Alessandro Casali, l’Assessore Pier Marcello Castelli con trentacinque ragazzi di terza media dell’Istituto Bernardino Luini e Maria Ausiliatrice, accompagnati dai loro Professori Giovanni Petrotta, anche Consigliere Comunale, Vincenzo Masciovecchio e Stefania Proserpio e da alcuni alpini dell’A.N.A. Associazione Nazionale Alpini Sezione di Luino, presieduta da Michele Marroffino.

La cerimonia si è svolta alla presenza delle massime Autorità civili e militari, di un picchetto del Reggimento “Piemonte Cavalleria 2°” per la resa degli onori, delle Associazioni d’Arma, dei sodalizi patriottici e delle rappresentanze del mondo dell’Esodo. Dopo l’ingresso dei Gonfaloni di Trieste e di Muggia, della Regione e di altri Comuni, con l’Alzabandiera sono state deposte Corone commemorative, è stata celebrata la Santa Messa di suffragio dall’Arcivescovo di Trieste S.E. Mons. Giampaolo Crepaldi ed è stata letta la Preghiera per gli Infoibati (composta da mons. Antonio Santin, Vescovo di Trieste e Capodistria negli “anni difficili”) da parte di uno studente delle scuole giunte a Trieste. Altri studenti hanno declamato alcune poesie in tema (“Basovizza”, “Borovnica”, “Terra rossa”, “Foibe”).

A seguire, il discorso del Sindaco di Trieste e un saluto del Presidente del Comitato per i Martiri delle Foibe e della Lega Nazionale Paolo Sardos Albertini hanno chiuso la cerimonia.Rilevante quest’anno è stata la presenza dei giovani, significativamente superiore a quella delle edizioni precedenti, e ciò in particolare grazie a un progetto di “trasmissione della memoria” di questi eventi rivolto alle generazioni più recenti (denominato “Le tracce del Ricordo”), ideato dal Comune e dalla Lega Nazionale di Trieste. A questa iniziativa hanno aderito varie scuole di Sacile, Brugnera, Pordenone, Seriate (Bergamo), Modena, Lecce, Luino e Bagnoli Irpino (Avellino), per un totale di ben 500 studenti che hanno assistito alla cerimonia di Basovizza con i docenti e dirigenti scolastici. Particolarmente numerosa a Basovizza anche la rappresentanza degli Alpini dell’ANA con l’annunciata presenza di ben 800 “penne nere” di 23 Sezioni (e 153 Gruppi) di tutta Italia assieme al Presidente e al Labaro Nazionale dell’Associazione.

La delegazione l’Udinese si è poi recata a Precenicco dove è stata accolta anche dal Sindaco Andrea De Nicolò e dall’Associazione Nazionale Alpini della Sezione di Precenicco. Il Sindaco Andrea Pellicini chiude così queste giornate”Non ho parole per ringraziare gli alpini della Sezione di Luino. È stato un viaggio bellissimo. Sono certo che i nostri ragazzi lo ricorderanno”.

Manuel Sgarella
manuel.sgarella@varesenews.it

 

Raccontiamo storie. Lo facciamo con passione, ascoltando le persone e le loro necessità. Cerchiamo sempre un confronto per poter crescere. Per farlo insieme a noi, abbonati a VareseNews. 

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 10 Febbraio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.