Lavoratori della sanità in presidio davanti a Palazzo Lombardia

Trecento lavoratori hanno partecipato al presidio organizzato da Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl regionali. Incontro con l'assessore al bilancio Garavaglia

palazzo lombardia

Oltre 300 lavoratori della sanità lombarda e degli enti locali hanno partecipato questa mattina al presidio davanti a Palazzo Lombardia, organizzato da Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl regionali a sostegno della vertenza per il rinnovo del contratto dei dipendenti pubblici.

In Lombardia sono circa 190mila i dipendenti pubblici che da 9 anni attendono il rinnovo del contratto.

Alle 10.30 una delegazione sindacale ha incontrato l’assessore regionale all’Economia, Massimo Garavaglia. Al termine, Regione e sindacati  hanno siglato un protocollo d’intesa che impegna Palazzo Lombardia, da subito, a sostenere e facilitare il percorso di rinnovo contrattuale e della produttività regionale, nonostante il mancato finanziamento da parte del governo richiesto dagli enti locali e dalle Regioni.

Sindacati e  Regione hanno condiviso la necessità di superare il blocco delle procedure affinché il costo complessivo del personale sia pienamente finanziato “così da consentire – si legge nell’accordo – una piena contrattazione di secondo livello che si intende valorizzare e garantire”. “Si tratta – prosegue l’intesa – di togliere i vincoli in merito al costo complessivo del personale vigente in materia di sanità facendo prevalere l’equilibrio economico finanziario del sistema sanitario regionale”.

Nel corso dell’incontro i sindacati hanno posto anche il tema del precariato, sottolineando la necessità di intervenire quanto prima a stabilizzare i contratti. Un’esigenza irrinunciabile per i 3000 lavoratori coinvolti a livello lombardo e per il funzionamento dei servizi all’utenza.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 febbraio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore