Scuole Bossi, i ragazzi delle medie a lezione al pomeriggio. Genitori infuriati

Sempre più difficile la situazione degli alunni che frequentano la scuola in cui è crollato il soffitto. Dal 7 maggio solo i bambini delle elementari potranno fare lezione al mattino

Il crollo alle scuole Bossi

Gli studenti delle scuole medie Bossi, l’istituto chiuso a causa del crollo di un controsoffitto in un’aula lo scorso 18 aprile, andranno a scuola di pomeriggio. E i genitori si infuriano di fronte ad una situazione di emergenza che Antonelli e i suoi stanno cercando di gestire non senza difficoltà.

Venerdì, infatti, hanno saputo dall’amministrazione comunale che gli alunni delle elementari potranno tornare sui loro banchi al piano terra lunedì 7 maggio mentre i ragazzi delle medie dovranno andare a scuola al pomeriggio nella struttura di via Pastrengo (l’ordinanza di chiusura fino al 26 agosto, infatti, esclude il piano rialzato che è stato già dichiarato agibile) che fa parte dell’istituto comprensivo De Amicis.

Subito è partita una petizione per opporsi a questa scelta che creerebbe non pochi disagi ai genitori, che devono trovare soluzioni per gestire i propri figli al mattino, e ai ragazzi stessi che, generalmente, in quelle ore sono impegnati in corsi o attività sportive.

Per firmare è possibile collegarsi al sito www.petizioni24.com  dove l’avvocato Simona Merenda ha lanciato la raccolta firme.

L’amministrazione, da parte sua, si è attivata per cercare soluzioni alternative che, per motivi tecnici, non è stato possibile mettere in atto. L’assessore all’istruzione Gigi Farioli assicura che cercherà di venie incontro ai casi particolari che verranno segnalati: “Dal 2 maggio i genitori potranno presentarci le loro problematiche attraverso un apposito sportello. Da parte nostra ci stiamo già impegnando ad organizzare attività che coprano l’orario del mattino”.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 29 aprile 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore