In difesa del ginecologo attaccato da Selvaggia Lucarelli: “Pessimo comunicatore ma ottimo medico”

Riceviamo e pubblichiamo due lettere di genitori grati al lavoro svolto dal ginecologo accusato di aver pubblicato tweet volgari nel 2014 dalla popolare influencer

medico stetoscopio

Riceviamo e pubblichiamo due testimonianze di pazienti del dottore finito al centro delle polemiche per alcuni tweet volgare e offensivo nei confronti delle donne rialente al 2014 ma rilanciato nei giorni scorsi dalla nota influencer Selvaggia Lucarelli sulle sue pagine social.

La lettera di K.F.

Buongiorno,

in merito all’articolo pubblicato stamattina riguardo ai Tweet offensivi scritti da parte di un ginecologo volevo esprimere il mio pensiero.
Innanzitutto trovo assurdo cercare informazione mediche su internet e sopratutto sui social. Come si puo’ pensare di avere delle opinioni utili per scegliere un professionista rispetto ad un altro chiedendo e cercando su internet. In ogni questo la dice lunga riguardo all’uso dei social fatto da questo ginecologo.Ok , ci sta ha usato paroline leggermente colorite machissenefrega.
È un uomo che ha espresso la sua opinione molto colorata e devo dire bislacca su alcune donne, e allora? Ci attacchiamoo a questo per valutare quale ginecologo scegliere? Se la scelta deve ricadere su questo ok va bene ci sono millemila ginecologi, scegline un altro, non andare a farne un caso politico nazionale perchè ha valutato l’aspetto fisico di in maniera poco educata una donna.
Ma chissene frega se da parte del mio ginecologo non sono “scopabile”. Passatemi il francesismo ma mica l’amore lo devo fare con lui.

Quello che credo sia fondamentale ora è salvare la figura professionale del ginecologo in questione.

Il dottore chiamato in causa è uno dei migliori della ginecologia/ostetricia della zona Laveno-Luino. Ha salvato prima la mia bimba quando ancora era grande quanto un fagiolino e poi me nel momento del parto ma potrei e ho altri 1.000 e piu’ casi di situazioni disastrose che lo stesso medico ha preso in cura e aiutato.

Poi chi lo conosce davvero sa chi è e ne conosce la buona educazione. Il suo sorriso è buono e i suoi occhi pure. Facciamogli scrivere 1 milione di volte che sui social ormai non puoi nemmeno essere ironico perchè poi ti ammazzano e ti stroncano la reputazione, ma finiamola qui.

Ps, anche io ho il culo grande come un frigo ma non me la prendo, lo so e me lo porto in giro fiera. A parte gli scherzi….grazie per avermi dato voce.

La seconda lettera è di Tiziano

Buongiorno

sono un lettore di Varesenews nonché un padre di una bimba e di un bimbo. Scrivo riguardo all’articolo su Selvaggia Lucarelli che grazie ad una amica lancia accuse verso il medico ginecologo in questione. Io so chi è (anche se non vengono fatti nomi),in quanto ho già visto questi commenti su Twitter dal 2014, anno in cui è nata proprio a Cittiglio la mia bambina.

In quella esperienza meravigliosa che è la nascita di un figlio io e mia moglie abbiamo avuto modo di imbatterci, durante la degenza in reparto, in quasi tutti i medici ginecologi che lavorano in struttura e fortunatamente nei momenti più importanti abbiamo avuto la fortuna di essere visitati e assistiti dal medico sotto accusa che per professionalità sul posto di lavoro e scrupolosità su ogni singola questione è di gran lunga il migliore tra i colleghi, tanto da sperare sempre di incontrarlo ad ogni visita, sicuri che non avrebbe tralasciato il minimo dettaglio.

E così è stato fino alla fine. Quella notte in travaglio, se non fosse stato per il medico accusato che è intervenuto in sala parto dopo alcune difficoltà, oggi non avrei qui la mia piccola bambina che appena nata aveva difficoltà respiratorie. Ricordo che lui camminava nervoso avanti indietro fino a quando sentito il pianto ha tirato un sospiro di sollievo e un sorriso di gioia.

Il secondo incontro con questo medico è avvenuto casualmente sempre per un problema durante la gravidanza di mia moglie. Preoccupati ci siamo recati al pronto soccorso, abbiamo trovato ancora lui e ci siamo sentiti subito sollevati sapendo della sua professionalità. Dopo ore di visite non ha sottovalutato niente e ha letto la situazione nel miglior modo possibile. Ci ha mandato d’urgenza a Varese dove è nato il mio secondo bambino. Due gioie della mia vita segnate dalla fortunata presenza del medico in questione che con la sua professionalità e competenza ha inciso indelebilmente nel buon fine delle due gravidanze.

Anche noi allora eravamo a conoscenza dei tweet in questione e mia moglie era un po’ contrariata a farsi visitare da lui ma, dopo aver visto la sua competenza e professionalità, ad ogni visita anche lei ha messo da parte quei pregiudizi verso quelle sue esternazioni che magari il 99% dei medici pensa ma non pubblica sui social. In questo forse lui ha sbagliato ma possono 3/4 frasi stupide a compromettere la carriera di questo medico eccezionale?

Se non fosse stato per lui io forse ora non avrei due figli e come me penso ci possano essere migliaia di testimonianze. Io lo ringrazierò per tutta la vita per esserci stato in quei momenti e l’azienda ospedaliera dovrebbe perdonarlo, magari facendogli chiedere scusa se qualcuno si è sentito offeso, ma non deve assolutamente privarsi di questo medico che è il migliore che ha in reparto. Io l’ho già ringraziato tempo fa con un messaggio e lui mi ha risposto così: ”Vi ringrazio tantissimo del messaggio che riempie veramente il cuore! Sapevo già che tutto era andato per il meglio. Vi auguro ogni bene!” Penso che sia questo il “ Tweet” da evidenziare.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 12 maggio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ale74

    Commento solo ora, ho appena letto. Anche io condivido pienamente il contenuto delle due lettere pubblicate. Aggiungo il mio punto di vista: meglio i medici vecchia scuola “ingessati” nei loro camici, che guardano le pazienti dall’alto in basso, freddi detentori del sapere, che trasformano la scrivania in un muro? O meglio chi conscio della propria professionalità, esperienza e piena conoscenza toglie quel muro, è empatico, umano? Io avevo letto i twitter prima di sceglierlo come ginecologo e… avevo sorriso apprezzando il lato ironico di un Professionista del quale avevo sentito solo cose buone. Posso solo esserne grata sia dal punto di vista professionale che umano… Ha gestito una situazione difficilissima, nel mio caso (e non mi aveva mai vista prima), ha trascorso una notte insonne, si è consultato con i colleghi. Poi era in vacanza e mi ha chiesto di tenerlo aggiornato. Io avrei potuto rimetterci la vita (ero stata pienamente informata dei rischi) ma non ho sentito altri pareri, fiducia totale. Grande professionista di buon senso sul lavoro, ragazzo goliardico. Spero che questa batosta non lo cambi… Alessia

Segnala Errore