Scuole Bossi, gli alunni di terza media faranno lezione al mattino

Forse trovata una soluzione in extremis per le 7 classi della terza media che dovranno affrontare gli esami. Le altre 13 classi di prima e seconda, per ora, andranno al pomeriggio

incontro giunta antonelli madonna regina

Assemblea infuocata ieri sera (mercoledì) all’oratorio San Luigi tra l’amministrazione comunale, con il sindaco Emanuele Antonelli e l’assessore all’Istruzione Gigi Farioli, e i genitori degli alunni delle scuole medie Bossi per trovare una soluzione all’ultimo mese di scuola ora che la struttura di via Dante è stata chiusa per i necessari lavori di messa in sicurezza ai piani superiori.

L’unica possibilità rimasta sul piatto, almeno fino a ieri sera, era quella di mandare i 300 alunni a scuola al pomeriggio nell’edificio di via Pastrengo dalle 14,30 alle 19,30. Questa mattina, però, il dirigente dell’istituto ha aperto alla possibilità di poter far frequentare le lezioni al mattino per le 7 classi di terza media.

Il dirigente dell’istituto comprensivo De Amicis Paolo Maino, a cui fanno riferimento entrambe le strutture, sarebbe riuscito a trovare una soluzione che permetta ai ragazzi dell’ultimo anno di frequentare al mattino, vista anche la delicatezza della loro situazione in vista degli esami.

Purtroppo questa opportunità, per il momento, non potrà essere estesa anche ai ragazzi di prima e seconda ma il fronte dei genitori non è tutto compatto contro questa idea: alcuni hanno capito la situazione di difficoltà in cui si dibatte l’amministrazione e che lo stesso sindaco Antonelli ha messo in chiaro nell’assemblea di ieri. «Sappiamo di essere in torto e la colpa di quello che sta succedendo è solo nostra come amministratori ma tutte le forze economiche in questo momento sono concentrate sulla sicurezza nelle scuole e non vogliamo mettere a rischio la sicurezza dei nostri ragazzi».

Per quanto riguarda quei genitori che non possono accudire i propri figli al mattino l’amministrazione ha confermato la volontà di impegnarli in attività in un luogo che non è ancora stato comunicato, a partire dal 7 maggio. L’assessore Farioli, oltre a confermare il Pedibus che parte da oggi, ha anche annunciato l’idea di pagare ai ragazzi l’abbonamento a Stie per il prossimo mese ed evitare che debbano trasferirsi a piedi dalle scuole Bossi a quelle di via Pastrengo. Per avere ulteriori informazioni si può contattare i seguenti numeri del Comune di Busto Arsizio: 0331390266 oppure 0331390310.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 03 maggio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore