Con “Volare liberi” l’Isis Valceresio vince al festival di Maiori

Lo spettacolo teatrale "Volare liberi" tratta di dipendenze e ha vinto il premio della giuria popolare con un punteggio molto alto

BIsuschio - Lo spettacolo "Volare liberi" dell'Isis Valceresio premiato a Maiori

I ragazzi del corso di teatro dell‘Isis Valceresio di Bisuschio sono tornati a casa dal festival Teatro educazione Admaiori, con un bel trofeo. Il loro spettacolo “Volare liberi” è piaciuto tantissimo e ha vinto il premio della giuria popolare con un punteggio molto alto.

Galleria fotografica

BIsuschio - Lo spettacolo "Volare liberi" dell'Isis Valceresio premiato a Maiori 4 di 17

Lo spettacolo – che questa mattina era in scena al Teatro dell’Elfo di Milano nell’ambito del festival Laiv Action di Fondazione Cariplo – è il frutto di un laboratorio teatrale che affronta il tema delle dipendenze, voluto dai ragazzi.

«Un tema importante e delicato che ci ha impegnati a cercare la giusta linea da percorrere – spiega Andrea Gosetti di Intrecci Teatrali, che  da anni guida i laboratori teatrali nell’istituto superiore e che ha scritto e diretto lo spettacolo – E’ stata un’esperienza molto bella, in un progetto in cui ho creduto molto e dove ho sentito i ragazzi presenti e vivi. Raccontare di sostanze non è facile, quello che abbiamo cercato di fare è proporre un lavoro che non puntasse il dito su un colpevole ma creasse un dialogo tra generazioni dove il punto di incontro è il valore della vita stessa. ” Volare liberi” vuole raccontare al pubblico le scelte della vita; cerca, nel suo racconto, di far trovare allo spettatore uno spazio bianco senza contaminazioni, in cui possa pensare e capire che a volte non esiste una colpa o un colpevole, o non serve trovarlo, ma ti pone davanti ad un problema e ti chiede di affrontarlo insieme».

Tre storie segnate dalle dipendenze  si snodano nel racconto, fatti inventati ma ispirati a due esperienze importanti racconti in due libri,

I fatti accaduti nel testo sono inventati, ma si ispirano a tre storie importanti segnate dalla dipendenza, raccolti nei libri “Voglio Volare”, dell’associazione Ema Pesciolino rosso e “Vuoi trasgredire? Non farti” di Giorgia Benusiglio.

Sul palco Ilaria Viviani, Elia Costa, Giulia D’Avolio, Beatrice Cadei, Daniel Poerio, Filippo Maggioni, Alfio Greco, Giulia Gosetti, Francesco Giussani, Giulia Brazzale, Luca Vanoli, Michele Del Bosco, Nicolas Gussoni, Viviana Marroni, Marcello Piluso, Alessandro Fiori, Stefania Mentasti, Ludovico Conti e Diego Lonardi, con la partecipazione del professor Stefano Cardinali e di Sara Cavalli.

«Quest’anno accompagnare gli alunni in questa avventura mi ha fatto sentire molto la responsabilità – dice Stefano Cardinali – Infatti oltre alla normale responsabilità di docente accompagnatore ho sentito anche la responsabilità dei sentimenti del personaggio e la responsabilità di entrare, da estraneo, nel gruppo . Invece ho riscoperto (oppure scoperto) il senso del Noi».

«Lo spettacolo a Maiori e’ semplicemente stato il culmine di un percorso – commenta Elia Costa, studente e attore – Un percorso di ragazzi che hanno lavorato sodo, che si sono divertiti e che hanno tirato fuori la passione che ci ha trasmesso Andrea, che ha creato un gruppo, che per noi è molto di più: una famiglia. A teatro infatti siamo tutti amici, ci sosteniamo a vicenda, cresciamo insieme, ci divertiamo e tutto questo insieme. A Maiori abbiamo dato il meglio di noi».

Anche per Sara Cavalli, una mamma che ha accompagnato il gruppo, l’esperienza di Maiori è stata ricca di emozioni: «Questo viaggio è  stato  per me  carico di emozioni e si è  rivelato  essere una  vera scoperta. Partecipare  allo spettacolo  con questi ragazzi mi ha permesso di osservare da vicino come il teatro possa avvicinarci a quelle realtà di cui spesso sentiamo parlare, ma dalle quali difficilmente  ci lasciamo coinvolgere credendole lontane dalla nostra quotidianità. Mi ha resa più  consapevole di quelle preoccupazioni che come genitore  vivo ogni giorno. “Volare liberi” è  uno spettacolo  intenso, contiene un messaggio profondo che credo andrebbe condiviso il più  possibile  e sono  molto grata ad Andrea Gosetti per avermi dato l’occasione di vivere quest’esperienza, al professor  Cardinali ed ai ragazzi per avermi accolta nel gruppo facendomi sentire parte di qualcosa di importante».

Soddisfatto Maurizio Tallone, il dirigente scolastico dell’Isis Valceresio: «I ragazzi hanno fatto un ottimo lavoro insieme a Gosetti, con il quale c’è da molto tempo una bella collaborazione – dice – Da anni proponiamo ai ragazzi il teatro come sussidio e aiuto per crescere facendo qualcosa che piace e diverte, ma che aiuta tanto anche a relazionarsi con gli altri e fa crescere la fiducia in se stessi. I ragazzi apprezzano molto, c’è sempre ricambio e tutto questo si riflette positivamente anche sulla didattica».

Per i giovani attori dell’Isis Valceresio potrebbero esserci altre soddisfazioni. Lo spettacolo è stato infatto presentato anche al Festival nazionali di teatro educazione Spazio Bianco di Gerione,e si aspetta il risultato

di
Pubblicato il 25 maggio 2018
Leggi i commenti

Galleria fotografica

BIsuschio - Lo spettacolo "Volare liberi" dell'Isis Valceresio premiato a Maiori 4 di 17

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore