Cresce la scuola digitale: la Lombardia seconda in Italia

Sono i 56 plessi tra primarie e secondarie di primo grado, 110 tablet  consegnati, 3.125 studenti e 952 insegnanti coinvolti nel progetto MyEdu School

Scuola digitale

Tempo di scrutini anche per la scuola digitale e i numeri sono eloquenti56 plessi tra primarie e secondarie di primo grado, 110 tablet consegnati, 3.125 studenti e 952 insegnanti coinvolti nel progetto MyEdu School. Cresce il network delle scuole innovative della Lombardia, seconda solo al Piemonte tra le regioni virtuose per la didattica digitale. 

L’Atelier Creativo di Gallarate 

Tra le attività promosse in Lombardia, emerge soprattutto l’inaugurazione dell’Atelier Creativo presso l’IC Ponti di Gallarate: tra smart monitor, stampanti 3D, kit per il coding e un esercito di tablet, i ragazzi e i docenti hanno a disposizione un nuovo spazio tecnologico e connesso per attività di formazione, laboratori e workshop.

Lo spazio dell’Atelier Creativo è il frutto di una stretta collaborazione tra l’IC Ponti e FME Education che, con il supporto del Comune di Gallarate e del Liceo Artistico “Candiani e Bausch”, hanno stipulato la convenzione per l’attuazione dell’”Atelier Creativo” nell’ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale promosso dal MIUR. 

Scuola digitale

L’anno scolastico di MyEdu 

Da Nord a Sud l’anno scolastico che si è appena concluso è stato molto positivo per il progetto promosso da FME Education. Da quando è partito nell’ottobre del 2016, MyEdu School è stato attivato in più di 100 Istituti comprensivi, ha coinvolto 7.000 docenti e quasi 50.000 ragazzi dai 6 e ai 13 anni. 

L’Editore, che ha siglato un protocollo d’intesa con il MIUR  per la realizzazione di azioni a supporto dell’innovazione digitale nella Scuola italiana, da anni promuove progetti per portare la tecnologia in classe e, grazie alle 50 “classi virtuali” consegnate nell’ultimo anno scolastico, ha dotato le scuole italiane di oltre 500 tablet, a disposizione di docenti e studenti per le lezioni in classe. 

Tempo di scrutini anche per la scuola digitale e i numeri sono eloquenti: 56 plessi tra primarie e secondarie di primo grado, 110 tablet consegnati, 3.125 studenti e 952 insegnanti coinvolti nel progetto MyEdu School. Cresce il network delle scuole innovative della Lombardia, seconda solo al Piemonte tra le regioni virtuose per la didattica digitale. 

Il progetto MyEdu School: la scuola digitale in classe!

MyEdu School è un progetto completo, rivolto alla scuola primaria e secondaria di primo grado, per portare le tecnologie digitali a supporto della didattica in classe, in modo gratuito per la scuola. 

Il progetto MyEdu School si compone di 4 asset principali: 

1.        Formazione per i docenti

Seminario di formazione per gli insegnanti sull’utilizzo delle nuove tecnologie per la didattica, sull’ambiente didattico digitale messo a disposizione da MyEdu School e sulla gestione della classe virtuale. 

1.        Laboratori didattici per i ragazzi 

Laboratori gestiti da tutor esperte in pedagogia, che coinvolgono i bambini delle primarie e i 

ragazzi delle secondarie di primo grado in un gioco educativo, basato sulle tecnologie digitali. 

2.        Dotazione tecnologica per la scuola 

La predisposizione gratuita della classe virtuale con la consegna e l’installazione di 10 tablet 

Android da utilizzare ai fini didattici durante le lezioni in classe 

3.        Contenuti digitali per docenti e studenti 

La dotazione gratuita per un anno dei servizi e dei contenuti di MyEdu School, con accesso al portale online MyEdu School tramite licenze che vengono fornite per ogni insegnante e per ogni studente che partecipa al progetto. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 giugno 2018
Leggi i commenti

Foto

Cresce la scuola digitale: la Lombardia seconda in Italia 2 di 2

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore