Sostenere le eccellenze: la promessa del presidente Monti ad Aguav

Il presidente della commissione sanità lombarda ha partecipato alle ventunesima festa di primavera dell'associazione che sostiene l'audiovestibologia di Varese

Aguav in festa

Festa a Villa Cagnola per pazienti e parenti del reparto di audiovestibologia dell’ospedale di Varese. Come vuole la tradizione che risale al dottor Sandro Burdo, l’associazione Aguav ha riunito tutti gli associati per la “Convention” che si è tenuta domenica 10 giugno a Gazzada Schianno.

Galleria fotografica

Festa di primavera 2018 di Aguav 4 di 12

La ventunesima festa di primavera è stata la prima della gestione di Eleonora Teri, presidente che lo scorso anno ha preso il posto di Tiziana Basso Roi.

L’incontro è stato un successo per il pubblico che ha assistito alla parte scientifica per poi passare a quella più ludica e di festa nel pomeriggio.

Ottocento i presenti, soprattutto di adulti, che hanno voluto ribadire come il recupero dell’abilità uditiva abbia permesso loro di uscire dall’isolamento in cui vivevano a causa della sordità.

Presente durante la mattina il presidente della Commissione sanità di Regione Lombardia Emanuele Monti che sabato aveva voluto visitare e prendere atto della situazione del servizio di audiovestibologia, aveva ascoltato e garantito il suo impegno in Regione per iniziare ad attuare una politica che sostenga le vere eccellenze sanitarie, evitando di disperdere risorse economiche e umane mantenendo in vita reparti ormai obsoleti e non più in grado di garantire buoni livelli di assistenza.

«Per i soci di Aguav – ha commentato l’associazione – è la speranza che finalmente la Regione voglia riconoscere al Servizio di Audiovestibologia il ruolo di Centyro di riferimento regionale per la cura della sordità, ponendo così fine alle criticità che ancora minano il servizio, come le poche ore a disposizione in sala operatoria e la carenza di personale».

Era presenta all’incontro anche la Presidente della Fondazione Il Ponte del Sorriso, Emanuela Crivellaro, che ha dimostrato con i fatti cosa voglia dire fare “rete”. La fondazione, infatti, mette a disposizione delle famiglie associate ad Aguav i propri appartamenti ma non si limita ad offrire un alloggio ma prende per mano le famiglie ospiti, aiutandole a creare un vero inserimento nel tessuto sociale varesino e fornendo un supporto umano.

Tra gli invitati anche il Presidente del Pio Istituto dei sordi, dottor Donzelli, che, nel suo intervento, ha sottolineato ancora una volta come tutto il lavoro svolto con entusiasmo dall’equipe dell’Audiovestibologia è apprezzato e condiviso da chi lavora a favore dei sordi.

La Lectio magistralis della mattinata è stata affidata alla Professoressa Laura Astolfi, biologa presso l’università di Padova che ha parlato delle cellule staminali, a dimostrazione che là dove c’è un esempio di eccellenza di cura c’è e ci deve essere sempre una costante attività di ricerca.

Nel magnifico parco di Villa Cagnola, i 160 bambini presenti si sono divertiti tra giochi e avventure guidati da un gruppo di 15 valorosissimi assistenti volontari,

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 giugno 2018
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Festa di primavera 2018 di Aguav 4 di 12

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore