Varese News

Giustizia riparativa e mediazione umanistica: nuovo corso all’Insubria

Le domande di ammissione al corso vanno presentate entro il 15 settembre. Le lezioni si terranno dal mese di ottobre

Il Chiostro di Sant'Abbondio (inserita in galleria)

Anche per l’Anno Accademico 2018/2019 il CeSGReM (Centro Studi sulla Giustizia Riparativa e la Mediazione), afferente al Dipartimento di Diritto, Economia e Culture dell’Università degli Studi dell’Insubria, organizza un corso di perfezionamento in “Giustizia riparativa e mediazione umanisticaTutela delle vittime, mediazione penale e sociale”.

Il Corso si propone di formare in modo qualificato persone che possano operare, ad ogni livello, nell’ambito della giustizia riparativa e della mediazione penale. L’approccio della mediazione umanistica, in particolare, richiede di saper accogliere, attraverso un ascolto attivo, le dimensioni emotive e valoriali vissute dalle persone coinvolte direttamente o indirettamente in fatti di reato o in relazioni fortemente conflittuali.

Il Corso di perfezionamento in giustizia riparativa e mediazione umanistica è indispensabile per tutti coloro che vogliano assumere, in ambito penale, il ruolo di mediatore umanistico dei conflitti o svolgere attività di victim support. È rivolto anche a coloro che intendano utilizzare i metodi della giustizia riparativa e della mediazione umanistica in campi diversi da quello penalistico (mediazione scolastica, nel contesto degli ambienti lavorativi, attività di ascolto e accoglienza alle vittime di reato, mediazione sociale), non soltanto come risposta ma anche come forma di prevenzione dei conflitti.

È possibile presentare domanda di ammissione al corso entro il 15 settembre scrivendo a cesgrem@uninsubria.it. Le lezioni si terranno dal 20 ottobre 2018 e termineranno a novembre 2019. 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 luglio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore