Reati ambientali: più efficienza in Lombardia con l’accordo tra Procura, Carabinieri e Arpa

L'intesa punta a facilitare le comunicazioni e la collaborazione tra gli uffici e a rendere più agevole ed efficace l’interpretazione e l'applicazione della legge 68/2015

Avarie

E’ stato siglato ieri, nella sede della Procura Generale presso la corte d’Appello di Milano, un importante protocollo d’intesa tra il Procuratore generale, le Procure del Distretto della Corte di Appello di Milano, Arpa Lombardia (l’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente), i Carabinieri del Noe, e i Carabinieri Forestali.

Si tratta di un’intesa che punta a facilitare le comunicazioni e la collaborazione tra gli uffici e rendere più agevole ed efficace l’interpretazione e l’applicazione della legge 68 del 2015, con particolare riferimento alle procedure estintive delle contravvenzioni ambientali. L’obiettivo è quello di introdurre una sempre maggiore efficienza in termini di prevenzione in relazione a quelle attività illecite che hanno conseguenze dirette non solo sull’ambiente e la salute dei cittadini ma anche in termini di snellimento delle procedure.

La collaborazione si concentrerà soprattutto sui pareri tecnici sulla sussistenza di danni ambientali, la definizione degli interventi utili per ripristinare l’area oggetto dell’illecito, la successiva verifica del risanamento come anche il delicato tema delle prescrizioni.

Il protocollo di intesa porta la firma non solo del Procuratore Generale di Milano ma di tutti i Procuratori della Repubblica del distretto di Milano: Milano, Monza, Pavia, Lodi, Busto Arsizio, Varese, Como, Lecco, Sondrio.

«La firma di oggi – ha spiegato il Procuratore generale di Milano, Roberto Alfonso – assume una valenza specifica perché si inquadra in un più incisivo contrasto per assicurare la legalità e la correttezza delle attività in campo ambientale».

«Questo Protocollo d’intesa – ha detto Michele Camisasca, direttore generale di Arpa – è un’ottima notizia che vede la nostra Agenzia giocare un ruolo di primo piano nella tutela del nostro patrimonio ambientale grazie all’impegno di tutti i nostri operatori alcuni dei quali hanno la qualifica di Ufficiale di polizia giudiziaria. Come Arpa intensificheremo il supporto a favore dell’Autorità giudiziaria per l’applicazione di una normativa che sta portando  significative novità nella direzione del rispetto dell’ambiente».

«Anche i Carabinieri forestali e del Comando tutela ambientale rafforzeranno, grazie al protocollo, azioni di contrasto degli illeciti ambientali in piena sinergia istituzionale con tutti i firmatari», hanno infine sottolineato il Generale Simonetta De Guz, Comandante Regione Carabinieri Forestale Lombardia e il Maggiore Massimiliano Corsano, Comandante del Gruppo carabinieri per la tutela dell’ambiente di Milano.

«Questa intesa profila una modalità di azione comune – ha concluso il presidente dell’Arpa, Bruno Simini –  che consente di unire, in un percorso definitivo e con tempi certi, l’individuazione di un reato ambientale e la risoluzione del danno provocato».

 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 19 Luglio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.