A san Giorgio di Biumo superiore torna la musica degli angeli

Dopo il successo dello scorso anno, l'Orchestra Cameristica di Varese proporrà anche quest'anno nella chiesa di S. Giorgio a Biumo Superiore venerdì 3 Agosto alle 21 una rassegna di composizioni

Varese generiche

Prosegue La Musica degli Angeliun Itinerario di Arte e Musicala stagione musicale estiva organizzata dall’ l’associazione Cameristica di Varese in partenariato col Comune di Varese e con il contributo della Fondazione Comunitaria del Varesotto.

Dopo il successo dello scorso anno, l’Orchestra Cameristica di Varese proporrà anche quest’anno nella chiesa di S. Giorgio a Biumo Superiore venerdì 3 Agosto alle 21 una rassegna di composizioni per orchestra d’archi di autori meno noti al pubblico italiano ma di grande bellezza e fascino.

Il programma inizia con la Charterhouse Suite del compositore inglese Ralf Vaughan Williams. Scritta inizialmente per pianoforte venne poi arrangiata, sotto la direzione del compository, per orchestra d’archi dal musicologo James Brown. Si tratta di sei brevi pezzi che ricordano la Fantasia su un Tema di Tomas Tallis dello stesso autore. Ognuno di essi ha un che di rurale e regale, di popolare e raffinato.

Segue poi il Concerto Grosso per Orchestra D’Archi “Palladio” del compositore scozzese Karl Jenkins. La suite in tre movimenti è, con le parole dell’autore, “ispirata dall’architetto Andrea Palladio, il cui lavoro incarna la celebrazione Rinascimentale di armonia e ordine”. Proporzioni armoniche e matematica giocano un ruolo sia nell’architettura che nella musica. Così come Palladio aveva basato i suoi disegni su antichi modelli romani, e specialmente Vitruvio, così Jenkins ha basato la sua musica sui principi di armonia matematica Palladiana.

In concerto si chiude poi con la 3a Serenata per Archi del compositore austriaco Robert Fuchs. Bramhs, che ben raramente aveva parole di apprezzamento per altri compositori, di lui scriveva: “Fuchs è uno splendido musicista, tutto è così raffinato e magistrale, di tale affascinante invenzione che uno non può che esserne sempre compiaciuto”. Grandi direttori d’orchestra quali Arthur Nikisch, Felix Weingartner e Hans Richter erano appasionati promotori delle sue composizioni. Tra i suoi allievi ci sono nomi di grande compositori quali Enescu, Schreker, Gustav Mahler e molti altri.

Fin dal suo debutto avvenuto nel 2003, l’Orchestra Cameristica di Varese, guidata dal Maestro Fabio Bagatin si è immediatamente imposta all’attenzione del pubblico e della critica per quelle che sono le sua principali caratteristiche: qualità del suono, precisione tecnica, attenzione ai problemi storici e stilistici. 

Nata con il patrocinio del Comune di Varese e gli auspici della Regione Lombardia l’orchestra ha rapidamente esteso il suo campo di azione ben oltre i confini della sua provincia e nazione riscuotendo ovunque significativi riconoscimenti. L’’orchestra ha fatto suo l’obiettivo di riportare all’attenzione del grande pubblico le composizioni per orchestra d’archi di fine ’800 inizi ‘900 non solo di celebrati autori quali Tschaykovsky, Grieg, Respighi, Britten, Janacek, ma anche di grandi compositori meno noti al pubblico italiano della musica classica quali Bloch, Bossi, Bridge, Elgar, Finzi, Hamerik, Nielsen, Malipiero, Parry, Schreker, Rutter, Vaughan Williams e altri.

L’ingresso alla serata è libero.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 luglio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore