Suspiria di Luca Guadagnino: l’horror “varesino” in gara a Venezia

La pellicola di Luca Guadagnino girata a Varese sarà al concorso della 75esima Mostra internazionale del cinema di Venezia

“Suspiria”, il film di Luca Guadagnino girato a Varese, affronterà una sfida molto difficile. La pellicola è stata accettata tra le opere in concorso alla 75esima Mostra internazionale del cinema di Venezia. Alla competizione, che si terrà tra il 29 agosto e l’8 settembre, parteciperanno ben 21 lungometraggi prodotti da famosi registi internazionali, ma solo uno sarà premiato con l’ambitissimo Leone d’Oro.  

Il film di Guadagnino è stato girato a Varese tra ottobre e dicembre 2016, in particolare al Grand Hotel del Campo dei Fiori. Dopo quasi due anni verrà presentato per la prima volta di fronte all’esigente pubblico della Serenissima. La pellicola può vantare un cast d’eccezione: tra le attrici ci sono Dakota Johnson, l’Anastasia Steel di Cinquanta Sfumature di Grigio, la famosissima Tilda Swinton, impegnata in ben tre parti, e anche Jessica Harper, che è stata la protagonista della pellicola originale del 1977. Luca Guadagnino precisa che il suo “Suspiria” non vuole essere un semplice remake di quello del 1977, ma bensì un’opera ispirata dal grande maestro Dario Argento, con la quale trasmettere sensazioni simili a quelle che lui stesso ha provato la prima volta che ha guardato l’opera originale. 

La trama del film parla della ballerina americana Susie Bannion, che si trasferisce nel 1977 a Berlino per entrare nella prestigiosa accademia Markos Tanz Company. Mentre Susie si perfeziona misteriose sparizioni ed efferati omicidi accendono sempre più sospetti nella protagonista e nella sua amica Sara verso la direttrice.

Tra i film in concorso più attesi dalla critica c’è “Il primo uomo”, diretto dal regista americano Damien Chazelle e con protagonista Ryan Gosling. Oliver Assayas e Jacques Audiard, due dei migliori autori francesi, presenteranno le loro opere “Non Fiction” e “The sisters brothers”. Gli esperti si attendono molte sorprese anche dalla pellicola “The ballad of Buster Scruggs” dei fratelli Coen. Infine oltre a “Suspiria”, si contenderanno il Leone d’Oro anche altri tre film italiani: “Roma” di Alfonso Cuaròn, “Capri-revolution” di Mario Martone e a “What you gonna do when the world’s on fire?” di Roberto Minervini.

Come si può vedere la strada verso la vittoria per l’horror “made in Varese” sembra essere tutt’altro che facile, ma chissà se il nuovo “Suspiria”, che l’attrice Chloë Grace Moretz ha definito l’opera più vicina a una pellicola di Stanley Kubrick, riuscirà ad aggiudicarsi il Leone d’Oro. Intanto non possiamo fare altro che immaginare come sarà il film, in attesa della sua uscita nelle sale italiane.

TUTTI GLI ARTICOLI SUL FILM

di
Pubblicato il 26 luglio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore