Varesotto sotterraneo, cinque luoghi da scoprire

Grotte, cripte, luoghi da esplorare: un tesoro nascosto fatto di cultura, storia e meraviglie naturali e paesaggistsiche

Le cave di Molera

C’è sotto qualcosa e non stiamo parlando di complotti ma di vere meraviglie. Grotte, cripte e luoghi sotterranei ricchi di storia e bellezza che caratterizzano la nostra provincia.

Galleria fotografica

Nella cripta del Sacro Monte 4 di 11

Non tutti sono aperti al pubblico e in alcuni casi per visitarli occorre essere accompagnati da una guida. Ve ne proponiamo alcuni tra i più interessanti.

LA CRIPTA DEL SACRO MONTE DI VARESE

Un luogo estremamente suggestivo e mistico. Situata al di sotto del Santuario di Santa Maria del Monte, rappresenta con i suoi affreschi un capolavoro di arte e architettura romanica. INFO E ORARI

LA GROTTA REMERON A COMERIO

A soli 10 minuti di auto da Varese, nella cornice del Parco Campo dei Fiori, è possibile addentrarsi nel cuore della montagna, scendendo lungo il percorso turistico illuminato e in sicurezza, sino alla profondità di – 50 metri, accompagnati da guide esperte che vi sveleranno tutti i segreti della geologia varesina. INFO E ORARI

I RIFUGI ANTIAEREI DI VARESE

Occasionalmente aperti al pubblico, i rifugi antiaerei sono una testimonianza storica unica. 

Testimonianze rifugi antiaerei from Archeologistics on Vimeo.

Il sito del gruppo speleologico prealpino 

LE CAVE DI MOLERA DI MALNATE

Uno dei luoghi più suggestivi del Varesotto, dichiarato per il suo interesse monumento naturale del Sistema naturalistico delle cave di Molera di Malnate e Cagno. Un’area di 165 ettari creata per permettere la conservazione degli affioramenti di pietra arenaria e dell’ecosistema sviluppatosi attorno ad essi.

INFO

LE GROTTE DELL’ORRIDO DI CUNARDO

L’Orrido di Cunardo è un complesso carsico costituito da un labirinto di gallerie e grotte scavate dal torrente Margorabbia. Qui l’acqua ha traforato le rocce, formando delle caverne che si susseguono per circa mezzo chilometro, dando vita ad una vera rarità nell’Italia settentrionale e all’unico esempio in Lombardia di traforo naturale di un corso d’acqua quasi totalmente superficiale.
L’ambiente è stato oggetto di recenti interventi di risanamento da parte della Protezione Civile, della Pro Loco, del Comune di Cunardo e della ex Comunità Montana Valganna, in modo da renderlo parzialmente accessibile ai turisti, anche se l’ingresso nella parte interna, data la pericolosità del percorso, è riservato agli specialisti.
L’Orrido è raggiungibile dalla provinciale che collega Cunardo con Ferrera, attraverso un sentiero che in pochi minuti porta direttamente alla prima galleria.


 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 31 agosto 2018
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Nella cripta del Sacro Monte 4 di 11

Galleria fotografica

Orrido di Cunardo 4 di 14

Galleria fotografica

Dentro la grotta Remeron 4 di 28

Galleria fotografica

La notte bianca nei rifugi antiaerei 4 di 4

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore