Da Villa Panza a Lac, due giorni da vivere tra arte e paesaggio

Due città da vivere per un weekend dedicato al bello e alla scoperta ma senza dimenticare l'arte

Generico 2018

Sono a un’ora di distanza una dall’altra e sono due realtà che vi permetteranno di trascorrere ore tra la bellezza della natura, il fascino dell’architettura, alla scoperta di due musei esclusivi. Parliamo di Varese e Lugano, due città da vivere per un weekend dedicato al bello e alla scoperta.

Il nostro itinerario parte da Villa e Collezione Panza, storico bene del Fai-Fondo Ambiente Italiano a pochi passi dal cuore della città di Varese. Sul colle di Biumo si può scoprire la storica villa che ospita una collezione di arte contemporanea, frutto dell’intuito e della sensibilità del collezionista Giuseppe Panza, composta da oltre 150 opere di artisti americani ispirate ai temi della luce e del colore che convivono in armonia con gli spazi della villa, i raffinati arredi e le preziose raccolte di arte africana e precolombiana. Oltre 33.000 metri quadrati di Giardino all’Italiana, arricchiti da opere di Land Art, dialogano in una relazione simbiotica con l’architettura della Villa.

Fino a dicembre inoltre, sarà possibile vedere la retrospettiva di Barry X Ball, dal titolo “The End Of History”. La mostra, realizzata in collaborazione con il Castello Sforzesco di Milano, è la prima retrospettiva dell’artista californiano che, dagli esordi minimalisti giunge alle attuali sperimentazioni in una tensione costante tra tradizione e innovazione, alta tecnologia e storia, essenzialità e incanto. La mostra, attraverso un itinerario intenso che si snoda dalle sale della Villa con incursioni nella Sala degli Scarlioni al Castello Sforzesco di Milano, presenta 56 opere dagli anni ‘80 ad oggi.

Info: Ingresso a Villa + Parco + Mostra temporanea “Barry X Ball. The End of History”. Orari: Aperta al pubblico tutti i giorni, tranne i lunedì non festivi, dalle 10:00 alle 18:00. Prezzi: Iscritti FAI: € 6, Intero: € 15, Ridotto (Bambini 4 – 14 anni): € 7, Bambini sotto i 4 anni: ingresso gratuito. Studenti (18 – 26 anni): € 10. Soci National Trust: € 6. Famiglia (2 adulti + 2 bambini): € 32. A partire dal terzo bambino, ogni ingresso è gratuito. Possibilità di pranzo al Ristornate Luce.

Il pomeriggio vi proponiamo un giro per la città di Varese. La città è adagiata su sette colli: il Colle di San Pedrino, il Colle di Giubiano, il Colle Campigli , il Colle di Sant’Albino, il Colle di Biumo Superiore, Colle di Montalbano e il Colle dei Miogni e si trova in una posizione caratteristica, ai piedi del Sacro Monte di Varese (nelle Prealpi varesine), che fa parte del Campo dei Fiori ed è sede di un osservatorio astronomico, nonché del centro geofisico prealpino. Il rapporto tra architettura, arte e paesaggio è dunque al centro della scoperta di Varese – famosa “città giardino”- dall’ottocento agli inizi del XX secolo polo di grande attrattiva per un turismo d’élite.

La sera ci spostiamo a Locarno, in Svizzera. La bella cittadina sul Lago Maggiore, nel mese di agosto (dal primo all’11) ospita il famoso Festival di Locarno, la più importante manifestazione cinematografica elvetica con ospiti internazionali. Info sul sito ufficiale.
Il giorno dopo invece, ci spostiamo invece a Lugano. La città  si estende dalle pendici del San Salvatore al Monte Brè fino alla cima del Gazzirola e sorge sulla sponda nord del Lago di Lugano, di origine glaciale e circondato da montagne. Il suo mix di cultura svizzera e mediterranea è molto vicino a quello della regione Lombardia, nel nord dell’Italia. Questa mescolanza si riflette nell’architettura del centro storico con le sue piazza e arcate in tipico stile mediterraneo, i numerosi parchi come il Parco Civico e il Giardino Belvedere che si affacciano sul lago.

Nel pomeriggio è imperdibile una visita al LAC Lugano Arte e Cultura“: è il centro culturale dedicato alle arti visive, alla musica e alle arti sceniche e ospita il Museo d’Arte della Svizzera italiana. Il MASI si sviluppa su tre piani per una superficie complessiva di 2.500 metri quadrati: il piano inferiore ospita la collezione permanente, mentre i restanti 1.820 metri sono dedicati a mostre temporanee.
Nella creazione della collezione permanente dell’allora Museo Cantonale d’Arte, al gruppo di opere selezionate nell’ambito del patrimonio artistico statale si sono aggiunti, in seguito, depositi di altri musei svizzeri, della Confederazione, della Fondazione Gottfried Keller, oltre a numerosi prestiti, lasciti e donazioni di privati. Negli anni novanta la collezione ha beneficiato inoltre dell’importante donazione Panza di Biumo che le ha permesso di qualificarsi tra le collezioni museali svizzere più ricche di opere dell’area Post-Minimal e Concettuale.
Info: Ingresso al Museo MASI. Orari: Aperto da martedì a domenica dalle 10.00 alle 18.00, il giovedì dalle 10.00 alle 20.00. Chiuso tutti i lunedì. Prezzi: Intero 13€ / CHF 15, Ridotto 9€ / CHF 10.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 10 Agosto 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.