Pedofilia, condannato a 6 anni e 4 mesi don Mauro Galli

L’accusa, accolta dalla quinta sezione penale del Tribunale di Milano, è quella di aver abusato sessualmente di un ragazzo di 15 anni nel dicembre 2011

varie

È stato condannato a 6 anni e 4 mesi di carcere don Mauro Galli, 39 anni, originario di Cislago, ordinato parroco nel giugno 2011 dal Cardinal Dionigi Tettamanzi. L’accusa, accolta dalla quinta sezione penale del Tribunale di Milano, è quella di aver abusato sessualmente di un ragazzo di 15 anni nel dicembre 2011.

Il pm Lucia Minutella aveva chiesto una condanna a 10 anni e 8 mesi di reclusione. L’imputato, fuori dal processo, aveva versato 100 mila euro di risarcimento ai familiari del ragazzo, che non si sono costituiti parti civili.

Il collegio, presieduto da Ambrogio Moccia, oltre a condannare il prete a 6 anni e 4 mesi di reclusione ha anche disposto il divieto per l’ex parroco di avere contatti con minorenni, oltre all’interdizione perpetua dai pubblici uffici. L’ex parroco, che ha prestato servizio a Rozzano, nel Milanese, ma anche a Legnano, tra il 19 e il 20 dicembre 2011, avrebbe abusato del 15enne nella propria abitazione, dove il ragazzo aveva trascorso la notte “in vista delle attività di preghiera previste per il giorno successivo”. Nel 2012 l’allora 33enne, laureato in Chimica Farmaceutica, venne allontanato dalla parrocchia di San Pietro ufficialmente per continuare gli studi a Roma, decisione presa dall’Arcivescovo Angelo Scola.

L’ARCIDIOCESI DI MILANO PRENDE ATTO DELLA SENTENZA A CARICO DI DON MAURO GALLI

L’Arcidiocesi di Milano prende atto della conclusione del procedimento giudiziario di primo grado a carico di don Mauro Galli. Esprime vicinanza al ragazzo coinvolto, alla sua famiglia e a tutti coloro che hanno ingiustamente sofferto. Mentre la giustizia penale fa il suo corso, l’Arcidiocesi resta in attesa dell’esito del processo canonico a carico di don Mauro Galli, affidato alla responsabilità del Tribunale Ecclesiastico.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 20 Settembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carlo196

    D’accordo che ormai è di moda il termine pedofilia ma, in questo caso, quello più adatto sarebbe pederastia.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.