Balotta: «No ai tagli del numero di treni»

Intervenendo nelle vesti di presidente di Onlit, Balotta teme la riduzione del servizio Trenord. "La Regione dovrebbe invece integrare i servizi di autobus"

Saronno generica genererico

Ridurre il numero dei treni non è una soluzione. Servirebbe altro: «La domanda di trasporto andrebbe intercettata con mezzi più flessibili e meno costosi».

Lo dice Dario Balotta, presidente dell’Osservatorio Nazionale Liberalizzazioni Infrastrutture e Trasporti (ed esponente di LeU), preoccupato dal fatto che l’Ad di Trenord metta «le mani avanti» dicendo che «ci sono ‘troppi treni».
«I treni non vanno? Tagliamoli! Questa sarebbe la soluzione ideale per migliorare i servizi, lascia intendere Marco Piuri che aveva gestito Ferrovie Nord dal 1998 al 2008» accusa Balotta.

Per Balotta sarebbe invece necessario intervenire sulla rete intorno al servizio ferroviario: «Gli autobus intorno alle stazioni ferroviarie necessiterebbero dell’integrazione tariffaria che l’azionista dell’azienda (la Regione) non vuole. Autobus che nell’area metropolitana sono insufficienti perché da anni la Regione ha scelto di finanziare solo Trenord e Atm senza una strategia della mobilità sostenibile che comprende anche le autolinee extraurbane».

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 23 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore