Caja: “Noi troppo morbidi”. Voti, bene Avra ma Archie è una zavorra

Il coach ammette la superiorità di Sassari: "Poco ritmo, difficoltà a rimbalzo". Avramovic è di nuovo il migliore, si salva Moore ma arrivano troppe insufficienze

Basket Sassari Openjobmetis

Attilio Caja ammette le mancanze dei suoi giocatori e fa i complimenti agli avversari al termine della gara persa dalla Openjobmetis al PalaSerradimigni. «Oggi la Dinamo ha giocato meglio di noi, è stata più continua e presente nelle due parti del campo e ha vinto meritatamente. Noi siamo stati troppo morbidi: giocando così diventa impensabile avere delle chance di poter vincere la partita».

Il tecnico prosegue poi nell’analisi della gara: «Oggi abbiamo iniziato con poco ritmo, l’abbiamo ritrovato un po’ nel terzo quarto tanto è vero che in questo frangente abbiamo segnato più punti che nel resto della partita. Grazie a questo parziale siamo riusciti quasi a rientrare. Però nel complesso siamo andati sotto pesantemente a rimbalzo facendo anche qualche errore difensivo. Peccato, perché quando si lasciano solo 70 punti agli avversari si può anche pensare di portarla a casa, però oggi abbiamo giocato sottotono in attacco, sopratutto nel ritmo e nell’esecuzione. Sassari ha fatto meglio di noi e alla fine ha vinto meritatamente».

Openjobmetis, troppe pause: Sassari ringrazia e vince

P A G E L L E

ARCHIE 4 (IL PEGGIORE) – Un timore ci assale: vuoi vedere che quelle “gambe molli” viste in precampionato non sono un effetto della preparazione fisica? Perché l’Archie visto a Sassari sembra essere sotto l’effetto di carichi di lavoro immani, per come si muove lento, felpato, in costante ritardo. Con il diretto avversario Thomas che chiude a quota 15 assist. Insomma, questa non può essere la versione definitiva del Dominique biancorosso.

AVRAMOVIC 6,5 (IL MIGLIORE) – Scarica tutta l’adrenalina che ha in corpo in un terzo periodo clamoroso, nel quale si guadagna la palma di migliore senza però gli incensi dovuti dopo il match d’esordio. Male invece nel primo tempo – anche perché Bamforth lo sforacchia in difesa – incide poco nel finale. MVP per i lettori di VareseNews

IANNUZZI 4,5 – Nove minuti in campo senza lasciare alcuna traccia. Vero che nella gara di Sassari i lunghi sono stati soprattutto carne da cannone nella battaglia a rimbalzo, però il suo contributo è stato praticamente nullo. Urge risveglio rapido.

NATALI 6 – Non avrà il talento ma lo spirito è quello giusto. Tripla, rimbalzo d’attacco, ginocchia piegate, falli spesi pur di non far tirare l’avversario.

SCRUBB 5 – Rispetto ad Archie ha un pregio: è sempre piuttosto utile nelle voci “sommerse” della partita: benino a rimbalzo, sporca più di un pallone in difesa e via così. Però dal canadese ci si aspettano soprattutto punti con maggiore continuità (e si ferma a 7) e precisione dall’arco (e chiude con 1/6). Bottino senza dubbio insufficiente.

TAMBONE 4,5 – Sembra quasi che abbia riposto in un cassetto le mani fatate montate durante il precampionato quando fu uno dei più prolifici e continui della squadra. Zero punti, cinque errori dall’arco in 12′ di gioco: corre col passo del gambero.

CAIN 5 – Due partite anonime o quasi, non certo da lui. Vero che in entrambi i casi ha trovato aree più intasate del casello di Melegnano al rientro dalle vacanze, però il “senatore” biancorosso non è mai stato in grado di trovare il modo di colpire. Anzi, ha fallito nel finale un appoggio facile facile con partita ancora aperta: segnale della resa. E senza i suoi rimbalzi, la Openjobmetis soffre.

FERRERO 6 – Così si fa: in campo senza paura, a canestro nonostante i marcantoni di Sassari che ti aspettano per la stoppata e nonostante un air ball sull’unico tentativo da lontano. Il capitano mostra la via, ma non può certo fare a sportellate con Thomas.

MOORE 6 – Tabellino gonfiato da diversi canestri nel finale di gara, ma prova comunque sufficiente per Moore al cospetto dell’ex mentore Esposito. Nel primo tempo, aridissimo, è il solo a trovare qualche buona iniziativa personale, poi sull’onda di Avramovic prova a dare una mano al serbo.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 14 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore