Carnago apre le porte all’Europa, docenti e artisti ospiti in Comune

L'Istituto Galvaligi è capofila di un importante progetto europeo che porterà 8 docenti in paese da Irlanda, Inghilterra, Finlandia e Spagna. 5 artisti serbi sono invece al lavoro negli spazi della chiesa di San Rocco

carnago

Carnago, ancora una volta, apre le porte a nuove esperienze internazionali continuando un filone che già negli scorsi anni aveva portato ad ospitare i giovani volontari per i campi estivi di Legambiente e che ora alza il tiro con un progetto artistico e un importante lavoro di scambio didattico finanziato dall’Unione Europea.

A presentare le nuove iniziative è stata la vicesindaco Elena Castiglioni insieme ai rappresentanti dell’istituto comprensivo Galvaligi e alla responsabile delle attività culturali che si svolgono nella chiesa di San Rocco Claudia Canavesi.

Proprio Canavesi ha raccontato di come Carnago, già da oggi, ospita 5 artisti serbi. Avviene grazie ad un progetto di “residenza artistica” organizzato da Claudia Canavesi e Roberto Gianinetti con i comuni di Carnago e Vercelli, ed è un secondo tempo della residenza artistica organizzata nel 2017 presso la Kolonia di Sicevo, (in Serbia), dove un gruppo di artisti italiani sono stati invitati a collaborare e confrontarsi con artisti serbi producendo opere artistiche esposte quest’anno nella mostra “Serbian – Italian artistic dialogue” presso le gallerie d’arte contemporanea di Nis.

Ora è proprio Carnago ad ospitare gli artisti che sono Slobodan Radojkovic, Danijela Dimitrijević, Milica Antonijević, Jovana Đorđević e Bojan Živić, tutti di altissimo profilo e professionisti delle tecniche incisorie. Il centro della loro permanenza saranno le attività e le esposizioni organizzate soprattutto nello spazio della chiesa di San Rocco dove dall’11 al 15 ottobre è allestita la mostra personale di Slobodan Radojkovic.

carnago

L’istituto Galvaligi, invece, è l’ente capofila di un progetto europeo scritto dalla maestra Arianna Caputo, con il supporto del dirigente scolastico Mauro Riboni, che è stato presentato a febbraio e ha ricevuto il finanziamento europeo.

L’iniziativa coinvolge l’istituto carnaghese insieme ad altre quattro scuole: una in Irlanda, una in Inghilterra, una in Finlandia e una spagnola. Come primo atto del progetto dal prossimo lunedì 8 docenti delle scuole europee saranno ospiti a Carnago per un periodo di permanenza durante il quale conosceranno le attività didattiche e i progetti organizzati alla Galvaligi.

Per l’occasione sono stati coinvolti anche gli alunni che hanno preparato una presentazione in inglese e una visita guidata a Varese per i maestri stranieri. Lo scambio, che nello stesso modo porterà i docenti carnaghesi in visita nelle scuole degli altri paesi coinvolti, vuole essere il primo pass di una fitta rete di relazioni: «la speranza – spiega il dirigente Riboni – è quella non solo di estendere anche agli altri plessi scolastici questa esperienza ma di promuovere scambi che oltre ai docenti coinvolgano anche gli studenti».

«Questo progetto – ha concluso la vice sindaco Castiglioni – è un segno tangibile della vicinanza dell’Unione Europea e un bel segnale di scambio e condivisione su un tema importante come quello della scuola dove abbiamo molto da insegnare e altrettanto da conoscere».

di tomaso.bassani@varesenews.it
Pubblicato il 12 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore