Clienti più esigenti ed attenti alla qualità, così migliora il mercato immobiliare

Salvatore Mirabelli di Tecnocasa Induno Olona, parteciperà a "La casa in piazza 2018" e ci racconta come sono cambiati il mercato della casa e le esigenze della clientela

Avarie

Salvatore Mirabelli è titolare dell’agenzia Tecnocasa di Induno Olona dal settembre 2016. Anche lui con la sua agenzia parteciperà sabato 20 e domenica 21 a “La casa in piazza 2018“.

Qual è lo stato del mercato immobiliare nella nostra zona?

«Il mercato immobiliare è in netta crescita, riguardo il numero di compravendite effettuate; per quanto concerne i prezzi, il nostro avviso è che non subiranno aumenti, ma nemmeno ulteriori marcate flessioni. L’andamento odierno vede un cliente acquirente sempre più attento e consapevole, quindi alla ricerca della qualità e sempre più esigente riguardo la dotazione tecnologica e la classe energetica. In relazione a quest’ultimo aspetto si rileva come sia sempre molto marcato il divario tra immobili ristrutturati/moderni o comunque con dotazioni tecnologiche rilevanti (cappotto, risc. a pavimento, pannelli solari ecc) e immobili vetusti o non paragonabili in termini di rapporto qualità/prezzo (immobili anni ’70-’80/con riscaldamento centralizzato/non ristrutturati ecc)i quali incontrano sul mercato una svalutazione importante, a cui devono far fronte con un prezzo concorrenziale.
Far fronte alle richieste di una clientela più esigente quindi, necessita di una figura professionale sempre più preparata e competente, sia negli ambiti strettamente legati alla compravendita e al credito, sia in materia fiscale, amministrativa e urbanistica. Coloro che non riescono a far fronte a questo tipo di esigenza, lasciano un cliente insoddisfatto e, visto l’ampio ventaglio di scelte proposte dal mercato immobiliare odierno, rischiano di non concludere la trattativa, in favore di un competitor più preparato e strutturato».

Vista la vostra passata presenza, come vedete la manifestazione La casa in piazza?

«La manifestazione è ben organizzata, pubblicizzata e in una location molto comoda da raggiungere dal potenziale cliente, di conseguenza dà un’ottima visibilità agli operatori».

Cosa vi aspettate da questa edizione?

«Ci aspettiamo un’affluenza almeno pari agli anni passati se non maggiore, visto il mercato in crescita, che porti risultati in termini prima di tutto di visibilità, che dovremo essere capaci di convertire in positivi riscontri lavorativi».

Avarie

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore