“La cultura è ossigeno”, al via la terza stagione teatrale dell’Olmo

Dieci appuntamenti serali, otto proposte per gli studenti. Una rassegna culturale ricca di proposte che spaziano dai classici agli spettacoli più innovativi

Taino al voto (inserita in galleria)

“Non c’è due senza tre, si dice. Tre come gli anni che nel 2018 compie La Stagione dell’Olmo, forte della sua identità, delle sue conferme e delle sue sinergie. In questo senso, mi piace pensare agli appuntamenti in
programma come occasioni di confronto culturale e di partecipazione sociale; come spazio intimo e condiviso per le possibilità che ci offre il teatro“. Con queste parole Roberto Aielli, Direttore artistico Tda Teatro presenta la nuova stagione teatrale dell’Olmo di Taino.

Da Shakespeare a Don Milani, da Gaber a Piero Chiara, dai classici alle proposte più innovative con temi che invitano alla riflessione e al confronto: è un calendario ricco di eventi e proposte culturali per il pubblico di ogni età. La rassegna prevede dieci spettacoli serali e otto, presentati in orario scolastico, dedicati agli studenti.

L’appuntamento di apertura della rassegna è la commedia di Pirandello “L’uomo, la bestia e la virtù”, in programma il 27 ottobre alle 21.

Si prosegue a novembre con “Lettera a una professoressa“, adattamento teatrale del testo di Don Lorenzo Milani e dei ragazzi della scuola di Barbiana (24 novembre ore 21) mentre a dicembre andrà in scena un omaggio a Gaber con un “recital di canzoni, monologhi e pensieri del signor G.” (15 dicembre ore 21).

Per salutare il 2018, il teatro propone il Galà di San Silvestro “A tavola con Gioacchino Rossini”, in programma il 31 dicembre alle 21.15.

La programmazione del nuovo anno vedrà poi un classico del teatro, “Otello” (sabato 19 gennaio, ore 21) e, in occasione degli eventi per la Giornata della Memoria “Brundibàr!” (sabato 26 gennaio, ore 21).

Mappoveradonna!” è lo spettacolo “al femminile” in programma sabato 16 febbraio alle 21 mentre il 7 marzo sarà la volta di “AAA Attore Cercasi“.  Prosa e poesia si intrecciano in “Variazioni sulla libellula” (23 marzo, ore 21) mentre i racconti di Piero Chiara ispirano le “Cartoline dal Lago Maggiore” al centro dello spettacolo del 6 aprile.

«La Stagione dell’Olmo – commenta il sindaco di Taino, Stefano Ghiringhelli – è un grandissimo risultato per chi crede che la cultura, in tutte le sue forme, sia ossigeno per una vita piena e ancora di più per chi come la Compagnia TDA TEATRO, con la collaborazione dell’Associazione Pauline Viardot e dell’Amministrazione Comunale, crede e ha sempre creduto che il grande teatro possa essere contenuto anche in uno piccolo spazio come il Teatro Dell’Olmo di Taino. Le piccole dimensioni consentono di sperimentare allestimenti non convenzionali che saranno un punto di forza della prossima stagione: sono sicuro che ci verranno riservate grandi sorprese».

Accanto agli spettacoli serali, la rassegna offre una serie di appuntamenti e occasioni di riflessione pensati per gli studenti

SCARICA IL LIBRETTO CON TUTTI I DETTAGLI E LA PRESENTAZIONE DEGLI SPETTACOLI

LA COMPAGNIA
La Compagnia TDA TEATRO,
dopo oltre un ventennio di attività, nel 2014 si costituisce come Associazione Culturale, continuando il suo lavoro attorno ai testi classici e contemporanei. Riconosce, nella semplice arte del “fare teatro” la propria forza comunicativa, misurandosi sia col genere “comico” che con quello “drammatico”. Nel 2016 in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Taino fa rivivere il Centro dell’Olmo organizzando la rassegna di teatro e musica: LA STAGIONE DELL’OLMO, che gode, sin dalla prima edizione, del contributo della Fondazione Comunitaria del Varesotto e del patrocinio della Regione Lombardia. La Compagnia allestisce i suoi spettacoli al Teatro dell’Olmo portandoli poi in tournée in numerose città italiane. Fra questi ricordiamo: “Il tascapane”, testo inedito di Corrado Calda e Giusy Cafari Panico, realizzato nel 2015, in occasione delle celebrazioni per il centenario della Grande Guerra. “La locandiera” e “Il dilettevol viaggio” di Carlo Goldoni, “George Dandin” di Moliere, “Il giuoco delle parti” di Luigi Pirandello, “I promessi sposi” di Alessandro Manzoni e “A.A.A. attore cercasi!” di Roberto Aielli. Nel 2007 la Compagnia ha avuto il privilegio di recitare “Antigone” di Sofocle – in Grecia – al Teatro di Epidauro e nel 2011 “Il berretto a sonagli” di Luigi Pirandello ad Agrigento in occasione del 48° Convegno Internazionale di Studi Pirandelliani. TDA TEATRO approfondisce l’uso del teatro come strumento didattico ed educativo con allestimenti per le Scuole. Grazie al costante dialogo con i docenti è nata l’idea di organizzare una rassegna rivolta agli studenti delle Scuole di ogni ordine e grado del territorio. Nel 2017 si è concretizzata la prima rassegna LA SCUOLA VA A TEATRO ALL’OLMO. La Compagnia TDA TEATRO collabora con l’Associazione Culturale Pauline Viardot nell’organizzazione del Festival dei Punti Cardinali, rassegna estiva che anima il parco di Taino.

di mariacarla.cebrelli@varesenews.it
Pubblicato il 12 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore