Lavori sulle lapidi della Grande Guerra, 15 mila euro per i restauri

L'assessore Casali è riuscito a stralciare una parte del fondo delle opere pubbliche per rimettere in sesto alcuni cippi commemorativi a 100 anni dalla fine del conflitto

cimitero luino viale rimembranze

Alessandro Casali, vicesindaco di Luino con delega alla Manutenzione, interviene sul tema della manutenzione dei cimiteri e delle lapidi dedicate ai Caduti della Grande Guerra: «In questo periodo dell’anno è importante che i cimiteri vengano trovati in ordine da chi rende omaggio alla memoria dei propri cari; questo, indipendentemente da come la si pensi politicamente, al di là di religioni, costumi e provenienze vale anche per il ricordo dei Caduti di tutte le guerre, in particolare quest’anno per i Caduti della Grande Guerra».

Casali non nasconde che la macchina comunale addetta alle manutenzioni è in costante affanno e soffre di carenza di risorse fresche e disponibili: «Una cosa è fare gli investimenti con fondi straordinari, un’altra è trovare ogni anno i soldi nella spesa corrente, le risorse ordinarie per far fronte a stipendi, pulizie e, per i Cimiteri, ghiaietto, cordoli, fioriere eccetera».

Quest’anno, però, si è voluto fare uno sforzo in più stralciando qualche fondo dalle opere pubbliche per un pacchetto di misure straordinarie per i cimiteri: «Si tratta di circa 15.000 euro che la Giunta con entusiasmo ha approvato ai primi di ottobre per riprendere e rendere leggibili le scritte nella Cappella ai Caduti, per riordinare il Viale dei Caduti (foto), per rinnovare parte dei viali. Queste misure si assommano al progetto di restauro della Cappella Sereni, al centro del viale principale del Cimitero di Luino: una iniziativa concordata con la Famiglia Eredi Sereni nell’ambito degli accordi negoziali per la disponibilità degli archivi letterari che vede un impegno per circa 30.000 Euro con risultati che possono essere apprezzati in questi giorni visitando il Cimitero di Luino».

L’assessore si dice ben consapevole del fatto che le manutenzioni sono sempre più al centro dell’attenzione di tutti: «In previsione ci son programmi integrati, tra cui un progetto come quello degli asfalti che dovrà così comprendere i passaggi pedonali, le integrazioni dei punti luce degradati, gli interventi sul verde inteso come piantumazione di arredo stradale.Per concludere,la Giunta comunale ha reperito le risorse anche per i luoghi più in sofferenza come i parchi».

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 31 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore