Storie di un clown di guerra: Il Claun Pimpa raccontato in teatro

Sabato 27 ottobre il teatro san Carlo ospita la nuova produzione teatrale della Compagnia Duse di Besozzo

il claun Pimpa tra i bimbi di bagdad

Debutta sabato 27 ottobre alle ore 21,  presso il teatro san Carlo di Leggiuno in via Gioberti,  la nuova produzione teatrale della Compagnia Duse di Besozzo, dal titolo “Il pallino Rosso – storie di un clown di guerra” nata dalla collaborazione con Marco Rodari – il Claun Pimpa – e  la  sua Associazione “Per Far Sorridere il Cielo”.

La compagnia Duse ha accolto con entusiasmo l’invito di Rodari a realizzare una messa in scena ispirata al libro di racconti autobiografico “La guerra in un sorriso”  che descrive alcuni momenti dell’esperienza che il Pimpa conduce ormai da anni nelle zone di guerra.

L’adattamento drammaturgico in versione teatrale è di Stefano Moreni e la regìa di Silvia Sartorio che ripropongono così, insieme ad alcuni attori della compagnia Duse, il gruppo di lavoro dello spettacolo dedicato a Calogero Marrone, nell’intento di portare alla luce e raccontare al pubblico,  attraverso il teatro, storie e tematiche importanti.

Le scene sono ambientate nelle zone dove ancora oggi c’è la guerra quotidiana, in un ospedale e in una casa dei bambini di Madre Teresa, con testimonianze dirette raccolte da persone che raccontano la loro paura, le perdite, la fatica ma anche la speranza e la forza di volontà di queste popolazioni oppresse da un conflitto che sembra non avere fine. Inserito nello spettacolo anche un breve estratto del video girato nei luoghi, diretto da Simona Picchi.

Girare il mondo “armato” di naso rosso, per far sorridere il cielo, dove cadono bombe e lacrime. Questa e’ la missione che il clown il Pimpa (Marco Rodari) porta ovunque sia andata smarrita la gioia dei bimbi.  La camera di un ospedale, il ciglio di una strada, una piazza, una scuola, grandi e piccolissimi teatri in Italia e all’estero. Con la sua Associazione si prende cura di bambini che hanno subito traumi fisici e psichici in conseguenza di una guerra vissuta o che stanno ancora vivendo.

Il Pimpa, ha sofferto la tragedia delle guerre a Gaza, le rovine degli attentati suicidi a Bagdad, gli stravolgimenti orribili delle rivoluzioni arabe. Sempre protetto dai bimbi: Veri Eroi!!! Ha condiviso gioie e dolori con i ragazzi degli Slam delle grandi megalopoli della terra e strappato un sorriso nelle pediatrie di tutto il mondo. A chi gli chiede “chi te lo fa fare?” Risponde con faccia sorpresa: “Il sorriso di un bambino, vale una vita!!!”

Il “Pallino rosso” simbolo di una scintilla di speranza e di un punto colorato in paesi divenuti grigi per le macerie, raccoglie tanti altri significati e ci pone una domanda.. cosa possiamo fare anche noi, qui e ora?

In scena insieme allo stesso Rodari, in un ruolo diverso dal claun, ci saranno Antonietta Alì, Serena Casarin, Roberto d’Alessandro, Francangelo Gianella, Romano Maran, Stefano Moreni, Yuri Zordan e i giovanissimi attori Anna, Marta, Lucrezia, Lorenzo, Lucrezia e Penelope. Le scene sono di Sara Cremona, le musiche di Mirko Carchen e Alessandro Grosso. Completano lo staff tecnico Loredana Marrone, Enrico e Corrado Schiavi di Deliriumstaff. Si ringraziano gli “Amici del teatro” di Leggiuno e la Comunità Pastorale di Leggiuno Sangiano e Monvalle

Lo spettacolo a Leggiuno sarà ad ingresso libero e verrà replicato sabato 10 novembre a Varese presso il Teatro di S. Ambrogio ( già sold out).

Per informazioni   info@ilpimpa.it

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 23 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore