Cassani convoca le famiglie sinti: “Sgombero dal 23 di novembre”

Il sindaco dice che la data è già concordata con le forze dell'ordine e avverte la cittadinanza: "Per creare ordine bisogna creare disordine: sarà un periodo disordinato, ma risolviamo definitivamente la questione"

Campo sinti Gallarate

Lo sgombero dei sinti? «Dal 23 novembre ogni giorno è buono», dice oggi il sindaco Andrea Cassani. Anz;: l’ha detto martedì mattina due rappresentanti delle famiglie che abitano il campo di via Lazzaretto a Gallarate.

«Li ho mandati a chiamare ieri sera». Da via Lazzaretto sono andati in sala giunta, le famiglie hanno incontrato il sindaco: «Ho detto loro che, in accordo con l’autorità pubblica sicurezza che prevede la presenza di contingenti di polizia e guardia di finanza, ho messo come data il 23 novembre, da lì ogni momento è buono». C’è anche un termine massimo? «Sappiano che dal 23 novembre stesso ogni giorno è buono».

«Ho anche spiegato quali saranno le modalità. Ciò che è su gomma verrà spostato al di fuori dell’area, ciò che resta sul posto verrà demolito». E se i sinti sposteranno le loro roulotte e case mobili, dove andranno? «Vedremo, di certo non lì. Si muoveranno come camperisti, non potranno rimanere più di 24 ore in area pubblica, secondo le leggi e il codice della strada» continua il sindaco di Gallarate.

Sarà risolutivo? O invece creerà un problema diverso, muovondo la piccola comunità dal terreno comunale dove erano state trasferite roulotte e case mobili? «Cito Gianfranco Miglio, che diceva che “per creare ordine bisogna prima creare disordine”: avverto la cittadinanza già da oggi che si sarà un periodo di disordine momentaneo, ma è finalizzato a risolvere la questione una volta per tutte». Miglio diceva che la massima veniva da «un vecchio proverbio popolare lombardo»: era il 1992 e si riferiva alla situazione politica italiana, auspicando la “rivoluzione” che avrebbe dato vita alla “seconda Repubblica” e allo Stato federale, nel mezzo di arresti e lanci di monetine. Vedremo cosa succederà a Gallarate e dove porterà il «disordine» annunciato.

Roberto Morandi
roberto.morandi@varesenews.it

Fare giornalismo vuol dire raccontare i fatti, avere il coraggio di interpretarli, a volte anche cercare nel passato le radici di ciò che viviamo. È quello che provo a fare a VareseNews.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 13 Novembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.