Figli e futuro, a Glocal l’informazione “a misura di famiglia”

Il festival del giornalismo digitale, dall'8 all' 11 novembre, propone ai genitori una serie di incontri sulla pedagogia (con Daniele Novara), sul disagio psichico e l'orientamento dei ragazzi, tra scuole e lavoro

Glocal 2018

Glocal, il festival del giornalismo digitale, quest’anno dedica diversi appuntamenti ai genitori e al ruolo educativo dell’informazione. In un mondo dove scegliere le fonti e orientarsi tra le notizie diventa sempre più complicato per le mamme, i papà e anche per i figli, esperti e giornalisti indagano insieme tematiche, difficoltà e possibili soluzioni.

BAMBINI

Sabato 10 novembre, ore 11 al Teatrino Santuccio di via Sacco
Il ruolo dell’informazione nella pedagogia
Protagonista Daniele Novara, tra i più importanti pedagogisti italiani, fondatore e direttore del Centro psicopedagogico per l’educazione e la gestione dei conflitti, con i suoi metodi educativi propone una strada per far sì che la società torni a far crescere le nuove generazioni. Una missione fondamentale rispetto alla quale tutti devono svolgere la loro parte, anche chi fa informazione, consapevoli che notizie e foto, prima che sui giornali  iniziano a circolare sui social media, che spesso sfuggono al controllo dei classici presidi educativi, come famiglia e scuola.
Ne parleranno con lui l’educatrice Barbara Boggio e il vice direttore di Varesenews Michele Mancino.

Venerdì 9 novembre, ore 14 in sala VareseVive, via Lonati angolo via S. Francesco
“A 40 anni dalla legge Basaglia”
Com’è  cambiata la condizione dei bambini in difficoltà dalla chiusura dei manicomi agli Istituti di oggi. Partendo dal racconto del giornalista Alberto Gaino sul ruolo dell’informazione nella chiusura dei manicomi, il dibattito farà il punto sulla situazione attuale della sofferenza psichica, “oggi legata alla solitudine delle famiglie che hanno un figlio nelle condizioni di dover essere seguito, curato, aiutato a guarire”. La carenza di risorse porta ad anni di attesa per la sola diagnosi. E alla cronicizzazione dei problemi. Le cure sono efficaci, a partire dall’autismo, se sono tempestive.
Assieme ad Alberto Gaino parteciperanno al dibattito lo psichiatra Isidoro Cioffi e le giornaliste Giulia Destefanis (La Repubblica) e Alessandra Toni (VareseNews)

RAGAZZI

Giovedì 8 novembre alle ore 17 al Teatrino Santuccio, via Sacco 10
“Il futuro del lavoro”
Verso quali studi conviene indirizzare i ragazzi? Come si fanno valere il merito e l’integrità? Quali politiche si possono chiedere ai governanti che vogliono risolvere i problemi? Se ne discute con i giornalisti Luca De Biase (Sole24Ore) e Giampaolo Colletti, firma di Nòva24, Repubblica, Millionarie.

Venerdì 9 novembre, ore 14 in libreria Ubik, piazza Podestà
Scuola, università, impresa: come raccontare le opportunità educative
Il tema delle opportunità che collegano la scuola, le università e le imprese è sempre più all’ordine del giorno in un mondo che cambia i propri assetti. Il ruolo dell’informazione e la capacità dei soggetti erogatori del sapere e delle opportunità di stare al passo con i tempi. Partecipano al dibattito i rettore della Liuc, Federico Visconti, il direttore per la Ricerca educativa della Liuc Michele Puglisi, il docente Liuc Luciano Traquadi, Il Ceo di Openjobmetis Rosario Rasizza e il giornalista David Mammano.

Sabato 10 novembre alle ore 16 alla Ubik, pizza Podestà
“I millenials e il loro rapporto con l’economia”
Un’intervista guidata da Claudia Vago con le nuove generazioni.

di
Pubblicato il 06 novembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore